Stato d’emergenza per il virus, un commissario per la crisi

Benessere & Medicina

L’Italia e’ in stato d’emergenza per il rischio sanitario connesso al coronavirus. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri che ha stanziato 5 milioni di euro. Il provvedimento durera’ sei mesi. L’emergenza a livello nazionale sara’ gestita da un Commissario straordinario, come avvenne per la Sars.

I due casi confermati in Italia, la coppia di turisti cinesi, dopo essere atterrati a Milano hanno fatto tappa a Parma, Firenze e Roma dove, dopo aver accusato i sintomi, sono stati ricoverati. Si trovano in ‘condizioni discrete’ allo Spallanzani. Lunedi’ rientreranno 70 degli 80 italiani a Wuhan. Stop ai voli da e per la Cina. Controlli rafforzati nei porti che restano aperti. 

“Il ministro Speranza ha proposto come commissario per l’emergenza il dottor Borrelli, capo della Protezione civile. Abbiamo approvato la sua designazione e ora abbiamo anche il commissario delegato”. Così il premier, Giuseppe Conte, a margine del comitato di Protezione Civile al quale ha partecipato anche il ministro della Salute, Roberto Speranza. 

“Se gli italiani posso condurre una vita normale? Assolutamente sì”. Lo dice il premier Giuseppe Conte a margine del comitato di Protezione Civile al quale ha partecipato anche il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Siamo assolutamente fiduciosi – aggiunge – terremo sotto controllo i due casi che abbiamo già accertato”. 

 “Confermiamo che la situazione e’ sotto controllo, il sistema Italia ha adottato una linea di prevenzione e di precauzione con la soglia piu’ elevata in Europa, siamo assolutamente fiduciosi che