Nota dei consiglieri di minoranza del Comune di Lizzano Bottazzo, Berdicchia, Caniglia, De Lauro, Gallo, Lecce G., Saracino

Ambiente & Turismo

Prosegue instancabile il lavoro della Commissione Ambiente del Comune di Lizzano. Nella seduta del 28 gennaio i consiglieri di minoranza (Caniglia, De lauro, Gallo e Saracino) hanno sottoposto alla commissione una bozza di delibera da sottoporre al consiglio comunale, affinchè come è stato per il Comune di Monopoli, si attivi un tavolo tecnico permanente per monitorare e valutare la qualità dell’aria del Comune di Lizzano. Le preoccupazioni sorgono – dicono i consiglieri di minoranza – dallo stato di abbandono cui versa il sito “ex Discarica vergine” a seguito del sequestro giudiziario. L’immobilità della maggioranza, che ha chiesto tempo per valutare ed eventualmente modificare la bozza, costituisce un grave pericolo per la cittadinanza. Al fine di essere eletti nel 2018 si dichiararono ambientalisti facendo leva sulle paure della gente, parlando di chiusura del sito e di costante controllo cosa che ad oggi non si è verificata.

Qui di seguito la bozza della proposta di delibera col chiaro intento di risvegliare le coscienze degli Enti preposti e degli amministratori dormienti.

Commissione rinviata al 6.02.2020.

Premessa

Che sorge in agro di Lizzano, località Mennole, area amministrativa del Comune di Taranto, il sito della “discarica Vergine”, discarica di tipo 2B per rifiuti speciali e non pericolosi già di proprietà della società Vergine srl;

che con provvedimento di sequestro del 2014 il sito viene di fatto “chiuso ed abbandonato” e si aprono due procedimenti penali a carico dei gestori nei quali il Comune di Lizzano si costituisce parte civile per il risarcimento dei danni subiti dalla cittadinanza a causa del fortissimo impatto ambientale sulla comunità, procedimenti ancora sub judice;

che per anni la comunità lizzanese (e anche le comunità limitrofe) ha  dovuto subire odori nauseabondi dovuti alle esalazioni provenienti dal sito che  ancora oggi permangono;

che nel corso degli anni, a partire dal 2009, vi sono state innumerevoli proposte per individuare natura e causa dei cattivi odori stante le segnalazioni provenienti dalla cittadinanza di malori e presunte intossicazioni derivanti dalle esalazioni odorigene provenienti dal sito oggi di fatto abbandonato al suo destino;

nell’agosto 2009, delibera di GM 160/2009, Arpa attiva “sistema di monitoraggio della qualità dell’aria del sottosuolo e della falda acquifera su tutto il territorio comunale;

che nel corso degli anni sono intervenute varie proposte e richieste per la tutela dell’aria e dell’ambiente da parte di cittadini, associazioni e da parte dell’amministrazione;

che con Legge Regionale n. 32 del 16/07/2018 recante “disciplina in materia di emissioni odorigene” le cui disposizioni sono volte a evitare, prevenire e ridurre l’impatto olfattivo derivante dalle attività antropiche (art. 1);

che sulla base della Legge 32/2018, il Comune di Monopoli ha chiesto ed ottenuto un tavolo tecnico permanente con Arpa, Asl, sezione di Vigilanza ambientale per il monitoraggio e la pianificazione del programma di interventi inerenti la problematica di emissioni odorigene nel Comune di Monopoli;

che è intenzione del Consiglio comunale di Lizzano, stante la criticità della situazione ambientale e la presenza di esalazioni odorigene dal sito “discarica vergine” posto sotto sequestro giudiziario e di fatto in stato di abbandono, chiedere e ottenere un tavolo tecnico permanente, in convenzione con Arpa e  Regione Puglia, atto a valutare e monitorare la qualità dell’aria nel territorio di Lizzano;

PRESO ATTO del parere favorevole ex art. 49, D.Lgs. n. 267/2000, espresso dal Responsabile del Servizio _______ in ordine alla regolarità tecnica e contabile;

Con voti favorevoli n. , contrari n. // e astenuti n.

DELIBERA

  1. Di approvare la narrativa in premessa come parte integrante della presente deliberazione;
  2. chiedere alla Regione Puglia, di istituire un tavolo tecnico permanente con Arpa, Asl Sezione di Vigilanza ambientale, per pianificare un programma di interventi atti a monitorare e valutare la qualità dell’aria nel Comune di Lizzano;
  3. delegare il Sindaco alla richiesta e ottenimento del chiesto tavolo tecnico permanente in ossequio alla presente delibera;
  4. garantire la presenza a detto tavolo della Commissione Ambiente del Comune di Lizzano attraverso il Presidente e/o suo delegato;

Delibera

di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134, comma 4, del d.Lgs. n. 267/2000.

Nota a stampa a cura dei consiglieri di minoranza del Comune di Lizzano

Bottazzo, Berdicchia, Caniglia, De Lauro, Gallo, Lecce G., Saracino