Progetto Acli Taranto

Diritti & Lavoro

Ha preso il via il progetto delle Acli della provincia di Taranto denominato “Tutti i colori della speranza”.

È oramai diventato un appuntamento fisso delle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani, l’elaborazione di un progetto che reinvesta nel sociale l’intero ricavato del 5xmille (ottenuto attraverso la firma sulla dichiarazione dei redditi) e coinvolga per nove mesi tutti i circoli sparsi sul territorio.

Cosa si prefiggono le Acli con “Tutti i colori della speranza”?

L’obiettivo reale è creare per i bambini e i ragazzi – soprattutto chi vive un disagio – occasioni di integrazione, socializzazione, comunicazione, condivisione e insegnamento attraverso il divertimento.

Per attrarre la loro curiosità, uno dei metodi più efficaci è l’uso dei laboratori. Il laboratorio è un luogo in cui un gruppo di bambini o ragazzi, guidati da un animatore/educatore, si unisce per lavorare insieme per il raggiungimento di obiettivi comuni.

Lo staff delle Acli che elabora le proposte da sottoporre all’ampia base dei circoli ha individuato alcuni laboratori che potranno essere realizzati sino a maggio: laboratorio di lettura animata e scrittura creativa; laboratorio di teatro multidisciplinare e di pittura creativa; laboratorio di alfabetizzazione informatica e laboratorio di alfabetizzazione per stranieri.

Sono diversi i professionisti coinvolti per dare il proprio contributo alla realizzazione del progetto: sono chiamati a proporre una visione della società imperniata sull’importanza di essere comunità, anteporre il “noi” all’ “io” e prendere le distanze da un quotidiano che per molti adolescenti è contraddistinto dalla legge del più forte.

In un periodo storico segnato dai muri alzati, dal filo spinato alle frontiere, le Acli – orgogliosamente – mettono in campo i propri valori e propongono laboratori di alfabetizzazione per stranieri che prevedono di gestire le “nuove emergenze educative” attraverso l’acquisizione della lingua come strumento fondamentale del processo di comunicazione/integrazione, soprattutto nel caso di bambini stranieri che si trovano a confrontarsi con una realtà diversa da quella di origine.

Tutto questo per cercare di creare ponti e non barriere: “Tutti i colori della speranza” costituirà un ‘ponte’ comunicativo con i cittadini, perché la mission delle Acli è, da sempre, quella di essere al fianco del cittadino offrendo non solo professionalità, ma anche supporto pratico in taluni momenti bui della vita.