La dignita’ degli italiani nel mondo

Cronaca

La realtà dei Connazionali all’estero non è mai stata tanto lontana da quella dei residenti nel Bel Paese. S’è determinata una sorta d’”oblio”. A parer nostro, manca la volontà per un dialogo utile che tenga in maggior considerazione i problemi di chi, italiano, vive e lavora lontano dalla Penisola. Tuttavia, era proprio indispensabile aprire le nostre riflessioni con questa premessa? Se lo abbiamo fatto, riteniamo proprio di sì. Con l’assicurazione, per chi legge, di non essere banali o seguaci di schemi abituali. C’è, a ben osservare, ancora spazio che ha da essere razionalmente colmato con dei fatti. Perché di promesse i Connazionali all’estero ne hanno avute anche troppe.

I diritti degli italiani “altrove” non sono mai stati al centro di un dibattito politico nazionale. Per Connazionali non residenti, dopo di tanto contendere, i politici hanno partorito, la Legge 459/2001 che, con gli anni, pur evidenziando mancanze, non è stata più rivisitata. Lo stesso Associazionismo, che vedevamo come un mezzo di coesione sociale e di democratico confronto, è diminuito senza prospettare qualcosa di veramente originale; soprattutto nell’evidenziare il mancato buon fine dei pochi diritti che gli italiani d’oltre confine hanno, da sempre, rivendicato.

Per questi motivi, non ci siamo mai schierati con i partiti, di ieri e di oggi, che considerano i Connazionali nel mondo solo al momento del voto. La nostra convinzione ha origini diverse. La Comunità nazionale all’estero ha una sua dignità che può essere sostenuta. Il contraddittorio si può aprire. Gli argomenti non mancano. C’è solo da auspicare che i potenziali interlocutori non trascurino l’occasione per farsi udire in modo appropriato. “Radici” resta disponibile per un confronto con la premessa che non si perda mai di vista il concetto di dignità al quale teniamo moltissimo.

 Il nostro direttore, Dr.Antonio Peragine, intende richiamare l’attenzione degli italiani all’estero, come ha sempre fatto anche con l’immigrazione, non solo a livello regionale ma a livello politico nazionale.

Giorgio Brignola

redazione@progetto-radici.it