Tirare le somme

Cronaca

Inquadrare la situazione politica italiana dall’estero è tutt’altro che semplice. I milioni di Connazionali nel mondo, che pure hanno loro problemi nei Paesi ospiti, si chiedono se in Italia il contesto sia tanto complessa quanto la stampa e la televisione riporta quotidianamente.

Apriamo, così, questa corrispondenza con un’affermazione: la realtà nazionale è, certamente, più variegata di quanto può apparire agli occhi di chi non la vive nella Penisola. Preferiamo, di conseguenza, provare a essere chiari per evitare vane speranze.

Anche se l’anno è iniziato da poco, c’è chi scorge promesse e chi anticipazioni. La differenza è eloquente, ma è meglio tenerla sempre presente.

I Partiti non si sono mai risparmiati nell’adottare questo concetto. Non vediamo il perché, ora, dovrebbero mutare la loro strategia. Anche se le alleanze di oggi, potrebbero, domani, non “reggere” più.

La situazione nazionale è complessa e il teorema di “dare” per “avere” resta l’unico che tutti sono in grado d’intendere. Del resto, la situazione nazionale, per quanto c’è dato capire, resta una cozzaglia di proposte spesso in antitesi tra loro. Anche il 2020 resta complesso. E’ previsto il varo di una nuova legge elettorale e un referendum sulla riforma numerica dei membri parlamentari. In autunno, forse, si potrebbero avere anche nuove elezioni politiche generali.

In conclusione, solo una strategia politica coerente con le necessità reali del Paese, potrebbe aprire uno spiraglio per uscire da un limbo politico che nessuno avrebbe immaginato tanto complesso.

Giorgio Brignola