Viaggio Italiano”: unica Rete nazionale per il turismo “a misura d’uomo”

Viaggi & Turismo

Progetto promosso dalla Commissione Turismo della Conferenza delle Regioni 

ROMA – “Viaggio Italiano” è un progetto interregionale, promosso dalla Commissione Turismo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e finanziato dal MIBACT, per promuovere in un’unica Rete nazionale il nostro grande patrimonio di bellezza, cultura e qualità di vita.

L’iniziativa è coordinata dalla Regione Emilia-Romagna ed è finalizzata a valorizzare il grande patrimonio dei Borghi, Paesaggi e Cammini, creando un sistema integrato di valorizzazione territoriale in grado di proporre un’offerta turistica unitaria e completa. Sono destinazioni autentiche e sostenibili per il turismo internazionale al fine di creare opportunità di sviluppo per territori e comunità.

“Viaggio Italiano” è un invito a viaggiare attraverso l’Italia che emoziona, custode di luoghi, percorsi e culture ancora poco conosciuti: località uniche, dove ospiti italiani e stranieri possono riappropriarsi di una dimensione di viaggio a misura d’uomo, lontano dai percorsi turistici convenzionali. 

“Viaggio Italiano” presenta tre grandi percorsi alla scoperta dell’Italia più autentica: i Borghi, storici e marinari, dall’entroterra alle coste; i Paesaggi, raccontati da circa 300 citazioni dei più illustri letterati italiani e stranieri; i Cammini – storici, naturalistici, culturali e religiosi – che, da Nord a Sud, attraversano il Paese.

Un enorme patrimonio di bellezza oggi a disposizione del turismo internazionale, culturale e sostenibile tramite il portale viaggio-italiano.it, un unico strumento di comunicazione online facile e intuitivo che invita a scoprire i luoghi del turismo lento: oltre 1000 borghi, 100 Paesaggi e i tanti Cammini italiani.

L’esplorazione attraverso una grande mappa illustrata e più di 1000 icone con disegni inediti e relative schede descrittive con video e foto, consente di trasmettere la grande ricchezza del nostro Paese, ricreata in modo da solleticare la curiosità e suggerire viaggi alla scoperta di storie, tradizioni autentiche, e qualità dell’ospitalità.

21 mappe, 21 guide scaricabili dal sito e 21 video ognuno dedicato a una Regione e Provincia autonoma, permettono di esplorare l’Italia, proponendo un viaggio straordinario capace di suggerire percezioni diverse, curiose, non scontate, che trasformano ogni itinerario in un’esperienza inedita che i borghi, i paesaggi e i cammini offrono a chi è interessato ad un turismo sostenibile e autentico. 

“Siamo convinti – afferma Andrea Corsini, Assessore al Turismo dell’Emilia-Romagna, capofila del progetto che ha coinvolto tutte le Regioni – che i Borghi storici e marinari, che contraddistinguono il paesaggio e la cultura dell’Italia, possano diventare sempre più una innovativa ed originale meta sia per i turisti italiani che per quelli stranieri, con ricadute positive per le economie locali. La valorizzazione coordinata tra tutte le Regioni di questi piccoli gioielli, ancora purtroppo poco conosciuti, è un impegno che nasce da lontano e sul quale abbiamo insieme investito e scommesso da tempo. Ora, grazie al lavoro e alla collaborazione che è stata creata tra istituzioni pubbliche, associazioni ed operatori, si cominciano a vedere i risultati, come dimostrato anche dal considerevole aumento negli ultimi due anni delle presenze turistiche nei borghi”. 

“Esprimo la mia soddisfazione – aggiunge Mauro Febbo, Assessore al Turismo della Regione Abruzzo e Coordinatore della Commissione Turismo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome – nel constatare la collaborazione che si è consolidata tra le Regioni nella realizzazione dei progetti derivanti dall’Accordo di Programma in essere con il Ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo, tra cui “Viaggio Italiano: tra Borghi, Paesaggi e Cammini” che ha così rafforzato il lavoro in rete, valorizzando in modo sempre più efficace le tante piccole località italiane ricche di valori culturali e paesaggistici che caratterizzano il nostro Paese.”