Banca Popolare di Bari, oggi incontro con delegazione dell’Unione Nazionale Consumatori

Lettere al Direttore

Borraccino: La Regione Puglia dimostrera’ concretamente di stare dalla parte dei piccoli risparmiatori

Questo pomeriggio, nel corso di una pausa dei lavori in Consiglio regionale chiamato ad approvare il bilancio di previsione, ho ricevuto una delegazione dell’Unione Nazionale Consumatori della Puglia, guidata dall’Avv. Antonio Calvani, che nei giorni scorsi aveva chiesto di incontrarmi, nella mia qualità di Assessore allo Sviluppo Economico con delega ai consumatori, per affrontare il tema della grave condizione di disagio in cui versano i moltissimi risparmiatori della Banca Popolare di Bari. Sono migliaia, infatti, le persone e le famiglie coinvolte nella grave crisi che ha portato al commissariamento di questo storico istituto di credito del nostro territorio e che oggi corrono i rischi maggiori. Dal quadro che mi è stato rappresentato, infatti, emerge una situazione particolarmente delicata che interessa, in particolare, azionisti e soci della BpB che rischiano, per responsabilità altrui, di perdere i risparmi accumulati in una vita di sacrifici e di lavoro. 

Come ho ricordato durante l’incontro di questo pomeriggio, mi sono già occupato di questa materia avendo depositato, come semplice consigliere regionale, nel settembre del 2017, e cioè quando già si annunciavano le prime avvisaglie della crisi che avrebbe riguardato la Banca Popolare di Bari, una mozione in Consiglio regionale con la quale proponevo di mettere in campo alcune misure in favore dei risparmiatori “traditi”. Nel dicembre del 2017, poi, proposi un apposito emendamento alla legge di bilancio che, però, fui costretto a ritirare per mancanza di capienza finanziaria. Oggi, in linea con quanto già dichiarato dal Presidente Michele Emiliano, ho assicurato l’impegno del Governo regionale al fianco dei risparmiatori che attraversano un momento che non esito a definire drammatico, con il rischio concreto di perdere tutto. Ho assunto l’impegno, già in vista della “legge omnibus” che sarà portata in Aula nel mese di gennaio per la sua approvazione, di individuare le risorse necessarie da mettere in campo per dimostrare concretamente aiuto e supporto ai consumatori e alle cosiddette “vittime del risparmio tradito”, nelle forme e con le modalità che si riveleranno necessarie. Ho assicurato, infine, di seguire costantemente la vicenda anche attraverso il coinvolgimento delle organizzazioni consumeristiche che svolgono un egregio lavoro di rappresentanza degli interessi dei soggetti più deboli di questa vicenda, e cioè i piccoli risparmiatori e i piccoli azionisti. Il Governo regionale dimostrerà, concretamente, di stare dalla loro parte.

Lo ha detto l’assessore Mino Borraccino.

[Messaggio troncato]  Visualizza intero messaggio