Accordo tra UBI Banca e Ordine Commercialisti di Bari per agevolare accesso al credito

Diritti & Lavoro

 Alle PMI pugliesi dedicati 200 milioni di euro

Da oggi le piccole e medie imprese pugliesi hanno un nuovo canale di accesso qualificato al credito agevolato grazie all’accordo di collaborazione sottoscritto tra l’Ordine dei Commercialisti di Bari e UBI Banca.  Questa iniziativa si inserisce nel piano di sostegno alle pmi del Mezzogiorno già avviato da UBI Banca con l’accordo sottoscritto assieme a Cassa Depositi e Prestiti che prevede un plafond complessivo di 500 milioni di euro e di cui la Macro Area Sud della Banca ha deciso di dedicarne 200 milioni alle aziende della Puglia.

In virtù della partnership con UBI Banca, prima iniziativa del genere in Italia, i Commercialisti iscritti all’Ordine di Bari invieranno attraverso un canale dedicato le richieste di prodotti e servizi che giungeranno dalle PMI pugliesi.

Il nuovo protocollo tra UBI Banca e l’Ordine dei Commercialisti di Bari pone, quindi, il commercialista come intermediario e facilitatore del rapporto tra la banca e le piccole medie imprese e il suo ruolo sarà quello di supportare il cliente offrendo una consulenza con particolare riferimento all’analisi della situazione finanziaria dell’impresa. In questo modo le aziende potranno rappresentare in maniera puntuale e corretta le proprie esigenze e potranno ricevere l’assistenza professionale nella preparazione della documentazione di supporto contabile e finanziario della società, al fine di ottimizzare i tempi di risposta e la durata dei procedimenti.

“Obiettivo dell’accordo – ricorda Elbano de Nuccio, presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Bari – è, da un lato, rafforzare il ruolo dei commercialisti quali intermediari qualificati nel rapporto tra sistema finanziario e PMI e. dall’altro, consentire un più certo accesso al credito da parte delle PMI. Il nostro ruolo sarà, infatti, quello di supportare le aziende offrendo una consulenza sulla situazione finanziaria delle imprese e nella preparazione della documentazione di supporto, al fine di ottimizzare i tempi di risposta. E’ un accordo che prevede, inoltre, anche due linee di credito agevolate: una destinata ai giovani commercialisti per sostenere le spese relative all’allestimento degli studi e l’altra a tutti i colleghi iscritti all’Ordine di Bari per affrontare la digitalizzazione”.