Un Natale con le cartelle di pagamento a Lizzano

Ambiente & Turismo

È un Natale all’insegna delle tasse quello che i cittadini lizzanesi si apprestano a trascorrere.
In questi giorni i cittadini lizzanesi stanno ricevendo numerose cartelle di pagamento relative ai canoni enfiteutici…un vero e proprio regalo di Natale dell’Amministrazione D’Oria!
La voce unanime dei consiglieri di minoranza Berdicchia, Bottazzo, Caniglia, Gallo, De Lauro, Lecce e Saracino contesta l’operato dell’Amministrazione che per l’ennesima volta mette le mani nelle tasche dei lizzanesi, con l’unico scopo di fare cassa.
In particolare i consiglieri replicano alle parole del vicesindaco che si è definito “coraggioso” nell’approvare il regolamento relativo ai canoni enfiteutici: “Beh caro vicesindaco, forse come al solito non riesci a intendere le conseguenze generate dalle vostre azioni” – dicono i consiglieri di minoranza –  “forse chi ti ha preceduto ha avuto gli attributi nel decidere di non approvare il regolamento, andando anche incontro a delle responsabilità personali, pur di tutelare le tasche dei cittadini.” “La politica non può fare solo da portavoce degli uffici, la politica è fatta di responsabilità, di decisioni, e quelle prese a tutela dei cittadini non sono mai sbagliate” ribadiscono con forza i consiglieri di minoranza.
Contestano, altresì, l’affermazione del vicesindaco Morelli di utilizzare le somme rinvenienti dai canoni enfiteutici e dalle “affrancazioni estorte” per sistemare alcune zone del paese. “Tali affermazioni da campagna elettorale sono riprovevoli e offensive dell’intelligenza dei lizzanesi, il vero obiettivo è quello di fare cassa e pur di non perdere un centesimo, l’Amministrazione D’Oria ha mandato inviti di pagamento in questo periodo di festività, gesto di cattivo gusto per una comunità, quella lizzanese, oberata nell’ultimo anno da continue richieste di denaro da parte dell’Ente civico. Si ricorda, per esempio, l’aumento della Tari  dell’anno 2019, cui seguirà il sicuro aumento Tari per il 2020; le richieste retroattive degli oneri di urbanizzazione di migliaia di euro; la volontà di fare un regolamento “punitivo” per i commercianti che non pagano o pagano in ritardo la Tari, per fortuna “punto ritirato” grazie alle pressioni della minoranza e dei commercianti…” dicono i sette consiglieri di minoranza.
La stoccata dei consiglieri di minoranza è rivolta al Vicesindaco Morelli e alle dichiarazioni rese a mezzo stampa nei giorni addietro “Morelli usa due pesi e due misure nelle vicende della sua maggioranza che risultano incomprensibili ma che rappresentano il tipico atteggiamento “pentastellato”. Proviene dal M5S il vicesindaco, movimento che ha rinnegato per la lista civica Alternativa ma cui si rifà negli atteggiamenti. A volte rivoluzionario e altre volte attendista delle manovre del governo, a volte osservatore e altre volte rinnegatore di facili evidenze. Scrive che hanno ritirato il punto sul(l’impopolare) regolamento sulla evasione poiché attendevano gli esiti della manovra di governo e invece a nostro parere lo hanno ritirato pensando solo dopo alle nefaste conseguenze sui commercianti, i quali, presenti in aula li guardavano in cagnesco e perché la minoranza era pronta a dar loro battaglia. Per il regolamento sull’enfiteusi invece non hanno atteso l’esito dell’intervento legislativo promosso dai suoi stessi amici pentastellati (pare vogliano eliminarlo)…Vicesindaco Morelli basterebbe essere politicamente corretto nei confronti dei tuoi cittadini e pensare solo al bene della tua comunità per essere un buon amministratore…ma evidentemente sbagli i tempi e i modi nelle scelte che risultano, pertanto, essere molto impopolari.”
Parlando di aumenti, i consiglieri di minoranza informano i cittadini che, in conseguenza al regolamento sull’enfiteusi, gli uffici comunali hanno predisposto una perizia di stima atta ad individuare il valore di mercato delle aree del territorio comunale per determinare il corrispettivo spettante ai fini Imu. La diretta conseguenza potrebbe essere l’aumento dell’Imu per le aree fabbricabili…confermato pertanto l’unico vero obiettivo dell’amministrazione D’ Oria: fare cassa a danno dei cittadini!
“Molti cittadini, tra cui anche molti ex sostenitori della Lista Alternativa, si rivolgono a noi per aiutarli a trovare delle soluzioni a queste continue richieste di denaro dell’Ente Civico” – dicono i consiglieri di minoranza – “I cittadini, i loro stessi elettori sono delusi da questa incapacità politica, a loro e non solo a loro, va tutto il nostro sostegno, promettendo tutto il nostro impegno per trovare delle soluzioni politiche che possano ridurre questa assurda pressione fiscale.”
 “L’amministrazione D’Oria, a quanto pare, non è in grado di trovare soluzioni, continuiamo a sostenere a gran voce che, purtroppo, ci troviamo ad essere amministrati da politici con poche idee e che si sono rivelati freddi burocrati lontani dalle esigenze dei cittadini; cittadini che hanno amato probabilmente solo in campagna elettorale, giusto il tempo necessario per essere eletti”.
Con l’augurio che questi anni amministrativi difficili passino in fretta, auguriamo a tutti i cittadini di Lizzano un sereno Natale.
I consiglieri di minoranza Berdicchia, Bottazzo, Caniglia, Gallo, De Lauro, Lecce e Saracino