Un viaggio nel passato con i costumi d’epoca nell’antico Palazzo-Museo

Arte & Moda

Santomasi  di Gravina in Puglia 

Giovanni Mercadante

           Salone delle feste – Museo-Fondazione Pomarici-Santomasi

Costumi d’epoca medievali, rinascimentali e del ‘700; una lunga ed emozionante carrellata di costumi fino a giungere a quelli contemporanei: 2020-21 nell’ambito della rassegna tra cultura-tradizione e alta moda.

Un tuffo nel passato ed una emozione al passaggio di ogni singola coppia o di  splendide damigelle nei ricchi costumi impreziositi da guarnizioni con fili dorati.

L’evento si è svolto domenica 8 dicembre 2019 nell’antico Palazzo della nobile famiglia Pomarici-Santomasi, oggi Museo-Fondazione, al cui interno sono custoditi e conservati importanti collezioni: carrozze d’epoca al piano terra; mobili preziosi nell’appartamento signorile;  il salone di ricevimento che ricorda il famoso film “Il Gattopardo”. Lo stemma  di famiglia affrescato  campeggia nel vestibolo.

La manifestazione è stata voluta dalla stilista Rita Evangelista insieme all’Associazione Onlus Una stanza per un sorriso capitanata dalla Presidente dott.ssa Rosanna Galantucci e dalla vice presidente, poetessa Amalia Sgobba.

L’evento è stato organizzato e presentato dalla  brillante giornalista Maria Giovanna Labruna  che ha superato se stessa, la quale nel contempo ha tenuto a  ringraziare in primis il Presidente dott. Mario Burdo della Fondazione Ettore Pomarici-Santomasi per aver ospitato   un evento di grande spettacolarità, per la prima volta avvenuto in detti ambienti che richiedono non pochi sforzi organizzativi e di sicurezza, grazie anche al patrocinio del Comune di Gravina in Puglia.

La sfilata è stata  anticipata da uno stacco musicale del sassofonista Teodoro Comanda e dalla splendida voce di Liliana Solazzo che hanno riscaldato l’atmosfera.

La Presidente dell’Associazione Onlus Una stanza per un sorriso, dott.ssa Rosanna Galantucci, che promuove la solidarietà per i malati oncologici,  ha colto l’occasione per annunciare  che sono state aperte nuove sedi a Matera, a Roma, in Piemonte, a Rovigo (Veneto), attraverso cui sarà alimentata la banca di raccolta capelli per realizzare le parrucche destinate a quelle donne sfortunate sottoposte a trattamento della chemio.

Piatto forte della serata, gli abiti della stilista gravinese Rita Evangelista, docente di moda presso l’Istituto professionale di Altamura,   che ha estasiato il pubblico con la sua collezione di abiti da sposa 2020-21.

La Presidente dott.ssa Rosanna Galantucci con la stilista Rita Evangelista

Tutte le modelle, negli affascinanti abiti disegnati e confezionati dalla stilista gravinese, hanno mostrato con la loro classe  e fascino femminile l’estro creativo  di una donna del Sud.

Ha spiccato, nella lunga e fascinosa rassegna, l’abito rosso indossato dalla splendida indossatrice  Luciana Cornacchia che si è fatta notare in altre occasioni anche su RAI 2.

Nell’intermezzo la vice presidente Amelia Sgobba, poetessa, pluripremiata in occasione di concorsi nazionali di poesia, ha declamato un suo brano “Il santo in processione sotto casa”. 

Le modelle sono state seguite  nell’Hair style da: Enza Tancredi; nel Mak up da: Maria  Teresa Mileo, Maria Angelica Losaccco, Ana  Bobaru, Tamara Asetiani e Gina Desiante.                    

                                  Figuranti medievali del corteo Giovanni di Monfort

                                                 Carrozze d’epoca