Delibera Arera n.311/2019, focus sul distaccamento dell’utenza acqua

Cronaca

Si terrà sabato 14 dicembre a Bari, all’hotel Excelsior a partire dalle ore 9.00, la prima iniziativa dell’associazione di amministratori di condominio denominata “Aic-Condivision”, nata dalla recente fusione di due compagini: l’Accademia Immobiliare Condominiale e la Condivision.

A pochi giorni dalla prossima entrata in vigore della delibera n.311/2019, emanata dall’Autorità di Regolazione per l’energia, reti e ambienti (ARERA), che dal 1 gennaio 2020 andrà a disciplinare modalità e tempi di gestione delle morosità individuali e condominiali nell’erogazione dell’acqua, la neonata associazione “Aic-Condivision” lancia un grido di allarme.

Il convegno di Bari sarà finalizzato a divulgare la suddetta delibera ad addetti ai lavori e cittadini. L’introduzione di regole certe ed eguali su tutto il territorio nazionale è una necessità improcrastinabile alla luce anche di interpretazioni, da parte degli enti pubblici, non sempre uniformi come nel caso dell’Acquedotto Pugliese.

Sempre secondo la delibera, poi, gli enti preposti saranno tenuti a tutelare quelle utenze definite “vulnerabili”, ovvero quelle situazioni di stato di disagio economico e sociale, debitamente documentato, come le utenze pubbliche non disalimentabili come scuole ed ospedali.

Ancora, in delibera si legge ai punti 7.6, 7.7 e 7.8, riguardanti l’utenza condominiale, il divieto di limitazione, sospensione o risoluzione dei contratti condominiali in presenza di pagamenti parziali, con un minimo del 50% dell’importo scaduto, a condizione che venga pagata la parte restante nei successivi sei mesi.

Aic-Condivision ritiene di fondamentale importanza sensibilizzare e collaborare con gli enti di gestione e con l’Arera stessa, al fine di tutelare gli interessi dei condomini virtuosi e di quelli meno abbienti, evitando disagi ed inutili strascichi giudiziari.