Le rane verdi e la “persona umana”

Cultura & Società

“Che fine hanno fatto le rane verdi? Anni fa, lungo il sentiero che porta al Casale della Cervelletta, nella Riserva Naturale dell’Aniene, si vedevano e si sentivano le rane. Numerosissime. Adesso non si vedono e non si sentono più.  Che fine hanno fatto? Perché sono sparite le rane verdi? Non ci sarà la possibilità di reintrodurle?”. Diverse le risposte a queste domande, sul Gruppo Facebook del quartiere di Roma, Colli Aniene. Un lettore, però, ignorando che esistono rane d’altri colori, mi ha chiesto: “Di quale altro colore le conosce?”, come per dirmi che l’aggettivo verde era perfettamente inutile. Io facevo lo stesso errore riguardo ai papaveri, ritenevo non ci fosse alcun bisogno di aggiungere “rossi”, come nella bella canzone di Fabrizio De André.

Ignoravo che esistono in natura papaveri bianchi, viola, gialli e blu. Giusto, quindi, definire verdi le rane, se si tratta di rane verdi, e rossi i papaveri, se si tratta di papaveri rossi. Non è giusto, invece, perfettamente inutile, aggiungere l’aggettivo “umana” al sostantivo persona. Me lo faceva notare molti anni fa, un caro mio fratello perduto anzi tempo, professore di lettere.

Ed aveva ragione. Impossibile, infatti, confondere gli uomini con le Persone della Trinità. Eppure difficilmente qualcuno  rinuncia all’aggettivo. Piace troppo. L’articolo 3 della Costituzione recita: “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana…”. E di quale altra persona potrebbe essere impedito lo sviluppo? Il Catechismo della Chiesa cattolica reca un capitolo così intitolato: “La dignità della persona umana”,  e comincia: “La dignità della persona umana si radica nella creazione ad immagine e somiglianza di Dio”.

Ecco: si provi a togliere l’aggettivo e si vedrà che il senso del discorso non cambia. Papa Francesco: “Ogni persona umana, creata da Dio a sua immagine e somiglianza, è un valore di per se stessa…”.  Joseph Ratzinger: “La persona umana è il punto più alto del disegno creatore di Dio per il mondo e per la storia”. “La persona umana cuore della pace” è un libro di Benedetto XVI, e “Il valore della persona umana” è un libro di Giorgio La Pira. Ma gli esempi sono infiniti.