Napoli a rischio idrogeologico

Ambiente & Territorio

Riceviamo e ben volentieri pubblichiamo la nota del Sig.Pennino di Casoria,Segretario Nazionale dell’Associazione Sindacale, no-profit, CISAL-FE.GES.C.A.

Considerata la precarietà del territorio Napoletano, visto la mancanza di prevenzione e controllo da parte del Comune di Napoli, in data 18.11.2019, giusto prot. n. 927367, le Associazioni  e le  hanno inviato la seguente richiesta al Comune di Napoli:                 

Alla Cortese attenzione del Sindaco Dott. Luigi  De Magistis

Il sottoscritto Luigi Pennino, codice fiscale PNNLGU41H24F839M, residente in Saviano alla via Stefano Corsi n. 23, nella qualità di Segretario Nazionale dell’Associazione Sindacale, no-profit, CISAL-FE.GES.C.A., legalmente riconosciuta nell’ambito territoriale e Regionale,

V I S T O

la precarietà del territorio di Napoli, reso ancora più vulnerabile in quanto sprovvisto dell’aggiornamento del “Piano per l’Assetto Idrogeologico” (o PAI)  (strumento fondamentale della politica di assetto territoriale delineata dalla legge 183/89 che permette di controllare il rischio idrogeologico e quindi intervenire preventivamente al fine di intervenire per eliminare i pericoli a cui è sottoposta la cittadinanza

C H I E D E

venga indetta “LA CONFERENZA DI SERVIZI DECISORIA” in forma simultanea, coinvolgendo sia i Tecnici che le Associazioni presenti sul territorio, nel più breve tempo necessario per l’espletamento dell’incarico, per affrontare e deliberare l’aggiornamento del  “Piano per l’Assetto idrogeologico” del territorio, unico documento in grado di affrontare seriamente il rischio idrogeologico del territorio.

Visto l’importanza dell’argomento e soprattutto l’incolumità del cittadino, si resta in attesa di un cortese sollecito riscontro.

Distinti saluti.

Luigi   Pennino