Cinque militari italiani feriti in Iraq nella missione “Prima Parthica”

Diritti & Lavoro

Written by:  Monica Montanaro

La missione italiana in Medio Oriente avviata il 14 ottobre 2014 viene presentata sul sito del Ministero della Difesa con tale accurata descrizione: “Nell’ambito della Missione internazionale ‘Inherent Resolve‘, l’Italia con l’operazione ‘Prima Parthica’ fornisce personale di staff ai Comandi multinazionali siti in Kuwait, e Iraq, a Baghdad ed Erbil, nonché assetti e capacità di training ed assisting rivolti alle forze armate e polizia irachene”. A tale missione appartengono  i cinque militari rimasti feriti oggi a causa della deflagrazione di un ordigno esplosivo mentre la squadra di militari italiani espletava le sue funzioni, pattugliando l’atea  nei pressi della città di Kirkuk.

Il medesimo sito della Difesa riporta ancora in merito alla missione italiana che l’intervento dell’Esercito dispone, inoltre, di un dispositivo logistico-amministrativo di circa 250 unità​, puntualizzando che “il dispositivo nazionale opera nelle tre sedi ed in particolare in Erbil, ove sono in corso cicli di training a favore dei Peshmerga ed in Baghdad presso cui sono in corso attività di Advising per le unità delle Forze S​​peciali”. ​​