La bella biblioteca con un difetto

Cultura & Società

La Biblioteca Vaccheria Nardi, in via Grotta di Gregna (Tiburtino – Colli Aniene), una delle più belle di Roma, forse d’Italia, ha un difetto. Troppo rumore proveniente dal traffico della strada?  Neppure per sogno. E’ situata in un piccolo parco, circondata dal verde, lontano dalla strada, lontano dalle abitazioni. Troppa luce? Poca luce? Neppure per sogno. C’è la luce giusta. E allora? Pochi libri? No, no, di libri ce ne sono abbastanza. E allora qual è il difetto? Sto perdendo tempo apposta per farvelo indovinare. I libri collocati male? No. E allora? Il personale! Il personale non è gentile. Neppure per sogno, il personale è gentilissimo. E va bene, non ci avete indovinato, ve lo dico il difetto: nella bella biblioteca si parla a voce alta, si chiacchiera del più e del meno ad alta voce. Chi parla a voce alta, chi chiacchiera del più e del meno, i frequentatori della biblioteca? No. Gli impiegati, anzi, le impiegate, giacché il personale è costituito per la maggior parte da donne. Di tutto si parla. L’altra mattina una signora stava illustrando ad una collega i pregi delle proprie scarpe. Alle volte nella bella biblioteca si sentono fragorose risate. Niente di grave, ovviamente. Niente di grave, ci mancherebbe altro. Diciamo che il rumore umano è il piccolo neo della bella biblioteca.

Carmelo Dini