Ordine di Malta. Donazione indumenti di Taranto

Diritti & Lavoro

Ordine di Malta. Donazione indumenti all’Opera Sant’Anna operante nella Città Vecchia di Taranto

Dopo aver ricevuto la telefonata di un imprenditore locale che ci chiedeva se potessero servire circa 5.000 capi di vestiario ed indumenti in genere, nuovi di zecca e di grande qualità, la prima cosa che ci siamo chiesti è: a chi li doniamo?

Dopo un’attenta riflessione ed una telefonata la risposta e venuta da don Emanuele Ferro, Parroco della Basilica Cattedrale di San Cataldo, cosi la scelta è ricaduta sull’Opera Sant’Anna di Taranto per il tramite della Confraternita della SS Addolorata e San Domenico della Città dei Due Mari.

Tutti insieme – l’unione fa la forza – il Gruppo Castellaneta ed il Gruppo Taranto del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta con la Delegazione di Terra d’Otranto, espressioni operative differenti del Carisma Melitense del Sovrano Militare Ordine di Malta, aiutati dai Confratelli e dal Commissario Arcivescovile della Confraternita della SS Addolorata e San Domenico, mercoledì 2 ottobre, hanno caricato, trasportato e poi consegnato presso i locali dell’Opera Sant’Anna gli indumenti destinati ai più bisognosi della città.

Tanti abiti ed indumenti anche intimi perfettamente usufruibili che daranno dignità ai più bisognosi.

Vestire gli ignudi è la terza delle sette opere di misericordia corporale universale, perché chiunque, a prescindere dalla latitudine in cui vive, ha bisogno di un vestito.

Questa opera di misericordia racchiude il gesto di restituire rispetto, dignità ed accoglienza alla vita umana trascurata, emarginata e scartata dagli egoismi del mondo, ovvero, il “servire i poveri” (obsequium pauperum), uno dei pilastri del Carisma Melitense.