“I Distretti Urbani del Commercio: un successo per le politiche regionali di sviluppo”

Cronaca

BARI – Ho partecipato oggi in Fiera ai lavori del Convegno su “I DUC per lo sviluppo del commercio e il marketing territoriale”. Insieme ai rappresentanti di Confcommercio e Confesercenti, c’erano i Sindaci Loiacono di Conversano, Lopane di Laterza, Matarrelli di Mesagne e Chieco di Ruvo di Puglia, nonché l’Assessora Giulia Puglia, di Nardò.

Come è noto, nel 2008 la Regione ha introdotto i Distretti Urbani del Commercio (DUC) con la finalità di promuovere una politica organica di sviluppo e supporto al settore. Sono poi seguiti altri provvedimenti legislativi, allo scopo di migliorare gli interventi.

L’idea è che attraverso processi di aggregazione fra i commercianti e di riqualificazione degli spazi pubblici si produca una rigenerazione che riscatti dal degrado e dalla desertificazione taluni luoghi ed aree urbane e ne rilanci la vitalità, allo scopo di attrarre nuova domanda di consumi e servizi.

In buona sostanza la scommessa dei DUC è la riappropriazione in termini culturali e di identità dei centri urbani, come luogo riconosciuto e riconoscibile della propria storia, offrendoli anche come stimolo alla fruizione turistica.

Per questo la Regione Puglia cofinanzia sia la redazione dei piani operativi dei Comuni, cioè i progetti per la realizzazione dei Distretti, sia le opere e le iniziative previste dagli stessi piani. L’altra parte dell’investimento è a carico degli stessi Comuni, dei commercianti che vogliono aderire e delle associazioni, che possono partecipare anche mettendo a disposizione le proprie risorse umane e strumentali. Un aspetto interessante da sottolineare è che il finanziamento regionale viene attinto dalle risorse versate alla Regione dalle grandi catene distributive per i loro piani di ampliamento e di ristrutturazione.

La presenza dei Sindaci ha testimoniato il grande fermento di iniziative che in questi ultimi mesi hanno suscitato i provvedimenti dell’Assessorato sui DUC.

Infatti a un primo finanziamento per la predisposizione dei Piani operativi, sono seguiti, in tanti Comuni della Regione, i finanziamenti volti a promuovere la realizzazione di servizi comuni fra gli operatori dell’area, come per esempio i baby parking; azioni di promozione dell’attrattività (es.: attività di animazione); interventi di arredo urbano; interventi di riqualificazione urbana attinenti alle aree commerciali; acquisto di sistemi di sicurezza integrati.

Sono convinto, anche sulla base dei validi risultati conseguiti finora, che questa misura contribuirà fattivamente allo sviluppo delle piccole imprese del settore e alla riqualificazione dei territori interessati.

Mino Borraccino

Assessore allo Sviluppo Economico

Regione Puglia