Bolzano, neonato morto tra i cespugli: sul corpo segni di violenza

Cronaca

Il cadavere di un neonato è stato ritrovato tra alcuni cespugli in località Lana, in provincia di Bolzano, da una turista tedesca mentre passeggiava con il suo cane. La Procura di Bolzano ha avviato le indagini di rito

Written by:  Monica Montanaro

Nella giornata di ieri è stato rinvenuto accasciato all’interno di alcuni cespugli il cadavere di un neonato. Il bimbo appena nato, evidentemente, è stato abbandonato e gettato in un rovo di cespugli nella località di Lana, in provincia di Bolzano. Sul luogo del ritrovamento sono intervenuti gli uomini dell’arma dei carabinieri e della croce bianca.
Secondo indiscrezioni dei media locali, la testa del piccolo era fasciata e occultata da un panno, girato intorno al collo con svariati annodamenti.

La procura di Bolzano ha aperto un fascicolo e avviato le indagini di rito per acclarare l’iter criminoso cagionato al bimbo. Inoltre, informa che sul corpo del neonato verrà effettuato l’esame autoptico, considerato che sono stati riscontrati “segni di violenza” su di esso.

In un comunicato stampa la Procura ha riferito che il corpo del neonato è stato rinvenuto ieri ad opera di una turista tedesca, la quale mentre passeggiava con il suo cane lo ha avvistato “nascosto all’interno di un cespuglio nella zona di Lana. La persona ha provveduto ad avvisare i carabinieri. La Procura della Repubblica di Bolzano ha avviato immediatamente le indagini. Il corpo del bambino mostrava segni di violenza ed è stata pertanto disposta l’autopsia al fine di accertare le cause del decesso”.

Le forze dell’ordine stanno effettuando ulteriori e approfonditi accertamenti per cercare di ricostruire la dinamica dell’efferato reato.