Attività di controllo della Polizia Locale a Massafra

MASSAFRA – In queste ultime ore sono stati controllati dalla Polizia Locale di Massafra (Ta): fermati 52 autocarri sulla strada statale Appia, 12 ciclomotori nelle piazze centrali Vittorio Emanuele e Garibaldi, 53 le autovetture ispezionate nel territorio di cui 14 sanzionate per violazione al codice della strada.

Cronaca

MASSAFRA – È terminata alle 21 di ieri sera, l’operazione di controllo straordinario del territorio massafrese messa in atto dal comando di Polizia Locale, guidato dal colonnello Antonio Modugno, su iniziativa dell’assessorato alla Polizia Locale retto dall’avvocato Raffaello di Bello.

Le attività, iniziate sin dalla mattina, hanno visto l’impiego di 20 agenti, divisi operativamente in due turni di intervento, con a capo gli ufficiali Locorotondo e Tagliente. Le pattuglie automontate sono state 4 e il raggio di controllo e prevenzione è stato effettuato anche mediante l’utilizzo del sistema APR “drone”.

Sulla strada statale Appia sono stati controllati 52 autocarri, 26 dei quali sanzionati per inottemperanza all’ordinanza sindacale che prevede il divieto di transito, sull’importante strada, per i veicoli aventi una massa a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate.

Nelle piazze centrali Vittorio Emanuele e Garibaldi sono stati sanzionati 12 ciclomotori per violazione al codice della strada (44 quelli controllati), mentre sono state 53 le autovetture ispezionate nel territorio di cui 14 sanzionate per violazione al codice della strada.

Inoltre è stata verificata l’identità di individui sospetti, oltre ad essere stato effettuato l’intervento di infortunistica stradale, in collaborazione con i carabinieri della compagnia di Massafra, sul luogo del terribile incidente stradale verificatosi sulla strada provinciale 35, la “Massafra – Chiatona”, in cui hanno perso la vita due giovanissimi massafresi.

Il comandante Modugno sottolinea ancora una volta che l’attività della Polizia Locale è finalizzata a garantire maggiore sicurezza nel territorio, contribuendo anche ad una viabilità più sostenibile.

Di Pietro Dragone