“Io penso che chi ha tradito una volta, tradirà di nuovo”, dice la ministra Trenta

Politica & Diritti

In una intervista alla Stampa la responsabile della Difesa (M5s) chiude all’ipotesi di un nuovo accordo con la Lega e sui migranti afferma: “Qualsiasi governo arriverà, dovrà puntare i piedi e al tempo stesso collaborare con l’Europa”

Elisabetta Trenta

“Io penso che chi ha tradito una volta, tradirà di nuovo. E che quella della Lega sia una porta che non vada riaperta”. Lo dice la ministra della Difesa, Elisabetta Trenta in un’intervista alla Stampa in cui ha chiuso all’ipotesi di una nuova alleanza con il Carroccio. Sul tema dei migranti, la Trenta si è detta certa che “qualsiasi governo arriverà, dovrà puntare i piedi e al tempo stesso collaborare con l’Europa”.

“Non si può aprire a tutti, come era prima – ha sottolineato – dall’altra parte, però, se decidiamo di di aprire in un certo modo, dobbiamo avere la capacità di comunicarlo e di non creare attriti tra le fasce più deboli della popolazione”.

La ministra si è anche soffermata sulla proposta di Angela Merkel di riaprire la missione di pattugliamento europeo Sophia affidandone la guida alla Germania: “Sarebbe un errore enorme perdere l’unica missione europea, finora a guida italiana, che ci permette di giocare un ruolo centrale nel Mediterraneo”. “Credo sia ancora possibile riprendere il timore di Sophia, ne ho parlato con Conte e lui è d’accordo con me”, ha aggiunto.