A Bari torna la festa del mare

Eventi & Spettacoli

Musica, libri, danza arti di strada e teatro lungo la costa. Al margherita la mostra on board, a cura di Phest

È stato presentato stamattina, a Palazzo di Città, il cartellone della “Festa del mare”, il programma degli appuntamenti promossi dal Comune di Bari con il sostegno e la collaborazione di Regione Puglia, Pugliapromozione e TPP – Teatro Pubblico Pugliese, in programma dal 3 al 18 agosto nel capoluogo pugliese.

Ad illustrare i dettagli della manifestazione, giunta quest’anno alla sua seconda edizione, l’assessora comunale alle Culture e Turismo Ines Pierucci, alla presenza del dirigente della Pianificazione strategica di Puglia Promozione Luca Scandale e di Maddalena Tulanti, membro del cda del TPP.

“Quest’anno, nel presentare la seconda edizione della Festa del mare, il festival diffuso nei quartieri costieri (San Girolamo, Santo Spirito, Torre a mare, Barivecchia e Madonnella), intendiamo presentare una programmazione più ampia degli eventi che si svolgeranno in città fino ad ottobre – ha esordito Ines Pierucci -. Vogliamo celebrare il mare non solo come sfondo di una cartolina o luogo dell’anima, fonte di ispirazione letteraria, bensì come luogo di apertura che rappresenta fisicamente il sentimento dell’accoglienza che Bari pienamente incarna. Occorre restituire alla città dignità di pensiero riformulando l’immagine che Bari ha di se stessa, ed è questa la ragione per cui abbiamo voluto favorire l’aggregazione attraverso eventi gratuiti per la comunità a cui l’amministrazione tiene particolarmente non solo per l’offerta culturale rivolta ai baresi che restano in città ma anche per i tanti turisti che ormai scelgono di trascorrere qualche giorno a Bari.

Questa è una rassegna che abbraccia più arti: dagli eventi musicali come i dj set al Fortino alla musica dal vivo a Torre a Mare, dal teatro in piazza a Santo Spirito all’arte di strada a Bari vecchia, fino alla danza e il cinema all’aperto a San Girolamo. Senza dimenticare una novità che mi sta particolarmente a cuore e che riguarda il coinvolgimento di numerose librerie indipendenti della città che al Fortino proporranno Sailing books – rotte letterarie, con una scelta accurata di libri dedicati al tema del mare.

Tra i tanti luoghi restituiti alla città, e che si affacciano sul mare, c’è il Margherita, dove dal 3 al 31 agosto sarà allestita la mostra fotografica collettiva “On board” (letteralmente “A bordo”), a cura di Phest – Festival internazionale di fotografia, che per parlare del mare punta l’obiettivo sui porti di tutto il mondo. Inaugureremo ufficialmente la mostra alla presenza di Giuseppe e Anna Dalfino con il sindaco Decaro l’8 agosto, con l’amplificazione del segnale radio che in codice morse riprodurrà la frase pronunciata dal sindaco Dalfino nell’agosto del 1991, in occasione dell’arrivo a Bari della Vlora con 20mila albanesi: “Sono persone, persone disperate. Non possono essere rispedite indietro, noi siamo la loro unica speranza”.

Il cartellone estivo si arricchirà di ulteriori iniziative i cui dettagli saranno comunicati di volta in volta e che vedono, tra gli altri, grandi conferme, come il Bari Piano Festival con la direzione artistica del maestro Emanuele Arciuli (24 agosto-1 settembre), e importanti novità, come l’anteprima del Premio “Nino Rota” (il 7 settembre) a Torre a Mare con un concerto dell’Orchestra della Fondazione Petruzzelli diretta da Franco Piersanti e due anteprime della 34esima edizione di Time Zones nel chiostro di Santa Chiara (21-22 settembre). A cavallo tra settembre e ottobre si svolgerà un mese di “Sentieri metropolitani”, realizzati in collaborazione con la Città metropolitana e dedicati all’enogastronomia, con una mostra di reperti archeologici sul tema del vino a Santa Scolastica, a riprova della nostra volontà di destagionalizzare l’offerta culturale cittadina che può incrociare nuovi flussi turistici”.

“Per Pugliapromozione si tratta di sostenere un trend in continua crescita – ha commentato Luca Scandale – che negli ultimi due anni vede la città di Bari registrare un dato positivo consolidato con il +16% di arrivi e il +12% di presenze ad agosto 2018 rispetto ad agosto 2017 e che in particolare, rispetto ai turisti stranieri, segna addirittura un +21% di arrivi e +18% di presenze.

Negli ultimi anni è cambiata la percezione della città di Bari tanto all’interno quanto all’esterno, e se oggi il capoluogo di regione è visto come una città vitale, interessante, culturalmente attiva, si deve alla nuova percezione che ne hanno i baresi stessi.

La verità è che non c’è alcune possibilità di promuovere proficuamente il turismo se non partendo dalla realtà, dagli elementi identitari, dal paesaggio, dalla qualità della vita dei residenti, e in questo senso Bari ha fatto molta strada, con una serie di scelte che vanno nella giusta direzione.

In quest’ottica prezioso è anche il passaparola come pure il fenomeno dei repeaters, coloro i quali, entusiasti di una località per quello che offre, scelgono di tornarci, e la Festa del mare, con appuntamenti lungo tutta la costa che spaziano dalla musica al teatro alle mostre si presta perfettamente a consolidare l’immagine di Bari come la città giusta per chi voglia coniugare arte, cultura e divertimento”.

“Credo che questa iniziativa – ha concluso Maddalena Tulanti – possa riassumersi in tre parole chiave che sono: presenza, dati i grandi numeri in termini di partecipazione per gli appuntamenti promossi nella stagione estiva; multidisciplinarietà, per la varietà dell’offerta nell’ambito dello stesso cartellone, e Lonely planet, che quest’anno ha scelto Bari tra le dieci mete europee top nel 2019, un fatto impensabile solo 15 anni fa. Un riconoscimento che attesta la straordinarietà della città di Bari e i cambiamenti avvenuti questi anni. Il TPP è il braccio operativo della Festa del Mare, una programmazione di qualità per la quale siamo orgogliosi di essere al fianco del Comune”.

La Festa del mare intende offrire una rappresentazione della qualità del territorio attraverso la cultura, la storia, la bellezza con una programmazione in grado di intercettare diversi segmenti di pubblico, compresi i più piccoli.

Per questo ogni sera i baresi e i numerosi turisti presenti in città avranno l’opportunità di scegliere occasioni di svago e intrattenimento e apprezzare alcuni dei luoghi più significativi del ricco patrimonio artistico barese. Il Fortino di sant’Antonio dal 5 al 18 agosto ospita Bari Vinyl Connection, a cura di Summit Club coordinato da Assioma, un fitto programma di dj set e un mercatino del vinile dedicato agli appassionati e dal 5 all’11 Sailing Books – Rotte letterarie a cura di Spine, con libri, fumetti, edizioni limitate e curiosità per gli amanti della lettura sul tema del mare. Il Teatro Margherita dal 3 al 31 agosto invece ospita la mostra On Board con gli artisti Federico Winer, Noelle Mason, Dario Agrimi e Jasmine Pignatelli e la direzione artistica di PhEST. Piazza della Torre a Torre a Mare il 5 agosto ospita lo spettacolo Il sol ci ha dato alla testa della Rimbamband, in cui cinque straordinari musicisti un po’ suonati incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano e giocano. Uno spettacolo in cui il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile.

Piazza Eroi del Mare invece il 6, 7 e 8 agosto ospita un ricco programma di live e dj set: il 6 agosto live di Spaghetti Brothers e i dj set di Innocent Soul e Dj Lillo; il 7 agosto live di Nicola Conte e Carolina Bubbico e dj set di Claudio De Tullio e Andrea Fiorito infine 8 agosto tre dj set di Amaronoj, Amerigo e Urban solution. Piazza dei Mille diventa un teatro a cielo aperto con spettacoli di tre icone assolute della scena teatrale barese: 9 agosto Anonima GR in Bar Qui Si Gode, 10 agosto Nico Salatino in Pane, Amore e Pomodoro e 11 agosto Gianni Colajemma in BariLand. E ancora il Waterfront di San Girolamo ospita il 12 agosto lo spettacolo di Danza aerea Prime Visioni – I Suoni del Mare di Elisa Barrucchieri, colonne sonore famose e visioni in danza a terra, in aria, in acqua al tramonto e diventa un’arena con le proiezione, in collaborazione con Apulia Film Commission, dei fil Cult Quo Vado?, 13 agosto, e La Capagira, 14 agosto. Infine Bari Vecchia dal 16 al 18 agosto ospita un gruppo di writers impegnati nella realizzazione di murales dedicati all’ecosistema marino e B.Arts, festival degli artisti di strada a cura di Trick e Ballack.

Inoltre Festa del Mare lascerà un segno tangibile sul territorio con il coinvolgimento di 5 noti writers che lavoreranno in piazza Mercantile per realizzare altrettanti murales dedicati all’ecosistema marino con dei riferimenti all’inquinamento dei mari con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico al tema.

Di seguito, nel dettaglio, l’intero programma della Festa del Mare

FESTA DEL MARE

MERCATO DEL VINILE E DJ SET

Dal 5 al 18 agosto, 19:00–02:00

Bari – Fortino Sant’Antonio

Bari Vinyl Connection II Edizione a cura di Summit Club Bari, coordinamento gruppo Assioma

5 agosto – Tuppi, Papaceccio & Meelone – “From Here To Eternity”; 6 agosto – EXP Records Store: DJ Plant Texture & Guests – “Exploration Part 2”; 7 agosto – Ivan Piepoli, Pierpaolo Guaragno & Arcangelo DJ – “Hard To Explain”; 8 agosto – Mix Market Records: Michele Lamparelli & Guests – “Disco Not Disco”; 9 agosto – Jamano, DJ Riot & DJ Puppet – “The Black Music Ship”; 10 agosto – Tomy & Valentino DJ – “Interstellare Part 2”

11 agosto – Giorgio Di Natale & Enzo Blasi – “From The Space”; 12 agosto – Misspia & Bonnie Valentine – “Swing, Soda & Rock’n’Roll”; 13 agosto – Mauro Manzo & Gianpiero Carbonara – “We Gotta Feeling Part 2”; 14 agosto – Roaming Radio: Ikävä Pii & Guests – “Nomadic Music”; 15 agosto – Summit DJs & Claudio Cellamare Live – “Ferragosto Italiano”; 16 agosto – Mars, Giuseppe Arezzo & Tania Rosito – “Terrazza Sul Mare”; 17 agosto – Midnight Resistance Hi Fi: Mengo Tee & Guests – “Bass Me Crazy”; 18 agosto – Gianluca De Tullio, Innocent Soul & Aslape – “House Family” 

LIBRI

Dal 5 all’11 agosto, 19:00–00:00

Bari – Fortino Sant’Antonio

Sailing Books – Rotte letterarie a cura di Spine

Libri alla Festa del Mare: alcune tra le librerie indipendenti più attive della città di Bari presentano al pubblico un’accurata bibliografia ragionata attorno al tema del mare. Il mare che ha da sempre ispirato scrittori, poeti e illustratori. Un modo nuovo per conoscere i libri, i librai e il loro lavoro di presidio culturale al di fuori delle loro case.

5 agosto – Spine e Millelibri; 6 agosto – Libreria 101 e Bari Ignota; 7 agosto – Svoltastorie e Libreria 10; 8 agosto – Campus e Spine; 9 agosto – Svoltastorie e Spine; 10 agosto – Ziczic e Spine; 11 agosto – ZicZic e Spine

SPINE

Spine Bookstore è una libreria itinerante e interattiva dedicata all’editoria indipendente, al self-publishing e al libro illustrato per bambini e per adulti. Propone workshop e corsi sull’educazione alla lettura, sul mondo del libro, sui linguaggi dell’immagine e sulle tecniche dell’artigianato, tra analogico e digitale. Collabora con altre realtà per consulenze bibliografiche e progettare e organizzare market e book corners, incontri, eventi e laboratori su misura. Quest’anno per la Festa del Mare 2019 ha chiamato a raccolta alcune tra le migliori librerie indipendenti baresi.

BARI IGNOTA

Bari Ignota è la libreria-casa editrice specializzata nella produzione e vendita di libri dedicati alla storia di Bari. Inaugurata il 1° giugno del 2018, ha sede a Bari in via de Rossi 183. Organizza e promuove seminari, dibattiti e manifestazioni pubbliche.

CAMPUS

Nata come libreria scientifica e tecnica è diventata punto di riferimento per professionisti e studenti universitari. Nel tempo, ha arricchito il proprio catalogo con una selezione di narrativa e saggistica, rivolgendo particolare attenzione agli autori ed editori pugliesi. Non ha saputo resistere alla bellezza dei libri dedicati all’infanzia, alle suggestive illustrazioni e ai racconti sorprendenti, tanto da dedicare ai lettori più giovani una parte sempre più ampia della libreria. Una panchina e un albero di legno, piccole sedie e un tavolino, sono oggi circondati dai volumi per bambini, scelti accuratamente insieme a giocattoli di alta qualità, con uno sguardo sempre attento agli illustratori emergenti e agli editori più innovativi. Grazie agli espositori mobili, la libreria si trasforma di volta in volta per ospitare laboratori creativi, incontri culturali, letture e presentazioni per tutte le età.

LIBRERIA 101

La Libreria 101 è una libreria indipendente. Si occupa principalmente di narrativa, poesia e saggistica. Nasce il 23 settembre 2017 da una grandissima passione per l’editoria di qualità e dal piacere di ricercare continuamente pubblicazioni di valore, con una particolare attenzione a quelle di editori anche piccoli e indipendenti.

MILLELIBRI

Millelibri è una libreria specializzata in poesia, contemporanea e anche lontana nel tempo, talvolta di difficile reperibilità. Tra i suoi scaffali, vecchie librerie di famiglia, trovano spazio libri nuovi e usati. Siamo in Via dei Mille 16, in una piccola e accogliente bottega.

SVOLTASTORIE

Svoltastorie è una libreria per ragazzi e ragazze di ogni età. Ci puoi trovare storie per riconoscere svolte da non perdere.

ZICZIC

“zic-zic” è un modo di dire dialettale, vuol dire “perfetto, ma per puro caso”. ziczic è un’associazione di promozione sociale nata nel luglio 2017, a seguito della vittoria del bando regionale “PIN-Pugliesi innovativi”, con l’intento di promuovere la cultura del libro, dell’arte grafica e illustrata, con particolare attenzione al mondo della tipografia e delle metodologie di stampa artigianali, attraverso la programmazione di eventi, mostre, workshop e laboratori. ziczic è uno studio di ideazione, stampa e confezione di manufatti editoriali, un luogo aperto ad autori, appassionati e curiosi che vogliano cimentarsi nel realizzare un prodotto stampato. È una piccola casa editrice che si occupa di microeditoria autoprodotta e che ha come principale filone di ricerca e pubblicazione la narrazione di luoghi, paesaggi e storie con linguaggi inediti e supporti di fattura artigianale.

ARTI VISIVE

Dal 3 al 31 agosto, tutti i giorni, 10:00-13:00 – 16:00-21:30

Mostra – On Board a cura di Phest – ingresso libero

Federico Winer, Noelle Mason, Dario Agrimi, Jasmine Pignatelli. Direzione artistica Phest

Il porto deve la sua eccezionalità all’essere un luogo che non è più qualcosa e non già qualcos’altro, uno spazio neutro sospeso che pone in relazione, che unisce luoghi, culture, immaginari lontani. Se Federico Winer con il suo Ultradistancia, prova a riportare luogo e parola sullo stesso piano di neutralità in un momento in cui quella neutralità sembra smarrita, i lavori di Agrimi e Pignatelli raccontano i porti come miraggio, come un nuovo luogo in cui si consuma la fragilità politica contemporanea, definendo un nuovo spazio di eccezione. E le radiografie di Noelle Mason pongono il porto, la frontiera come nuovo paradigma della bio-politica e la figura del rifugiato come elemento di crisi della finzione contemporanea della sovranità moderna.

Infine, una serie di cannocchiali gialli puntati verso il mare inviterà gli avventori ad avvicinarsi per scoprire un paesaggio inatteso in cui spazio e tempo si sospendono e si annullano per un istante.

Federico Winer – Ultradistancia

L’artista argentino Federico Winer parte dalla sua fascinazione per le mappe, rivelatrici della curiosità umana verso il mondo. A partire dalle immagini satellitari di Google Earth, con Ultradistancia Federico crea dei tableaux in cui le forme geometriche, i colori, ci portano fuori dal mondo e poi di nuovo dentro, vicini. Il mouse è il suo pennello, attraverso il quale seleziona e crea un paesaggio, una Geografia Estetica, che ci affascina per la sua bellezza e immensità, e allo stesso tempo ci riporta a una dimensione umana, riconoscibile, nostra.

Federico Winer (Buenos Aires, Argentina, 1973) è un artista visivo, fotografo e professore di Filosofia Politica all’università di Buenos Aires, con una formazione in scienze politiche, filosofia, architettura e arte. È uno dei membri fondatori del gruppo sperimentale Soy Cuyano, una squadra multidisciplinare di intellettuali e scienziati che esplorano la relazione tra la filosofia, le scienze e le arti.

Dario Agrimi – Gradi di vergogna

Diverse isole dalla forma regolare, di un colore impenetrabile e specchiante per effetto dell’olio nero che ricopre le vasche metalliche. Ne emergono volti e parti anatomiche segnati dal tragico destino del loro inabissarsi. Agrimi dispone i corpi in un sacrario, dove tutto appare posato e sospeso, tra la superficie e il baratro, tra la vita e la morte.

L’opera rievoca prepotentemente le recenti vicende migratorie lungo il Mediterraneo; luogo di storia, di culture e vita ma anche di attraversamenti, disperazione e decadenza, dove sulle acque limpide dell’orizzonte si addensano le acque putride e stagnanti di una civiltà che condanna alla morte e all’oblio. La misura esatta, regolare e modulare di questi “gradi di vergogna” rimanda alla fredda serialità del conteggio di corpi e ritrovamenti in mare, rendendo la scultura una somma di feretri disposti di fronte allo sguardo impassibile dell’osservatore.

Tra i protagonisti italiani della nuova generazione dell’arte contemporanea, Dario Agrimi realizza opere di forte valenza concettuale, caratterizzate da un deciso sarcasmo e dallo spiazzamento percettivo, ricorrendo ai media più differenti, dalla pittura alla scultura, dall’installazione ambientale alla fotografia e al video.

Noelle Mason – X-Ray Vision vs. Invisibility

X-Ray Vision vs. Invisibility è un progetto sugli effetti fenomenologici delle tecnologie visive nella percezione di migranti clandestini. La serie fotografica trasforma in oggetti le immagini fatte al confine Stati Uniti/Messico per mostrare come le nuove tecnologie di visione (backscatter o retrodiffusione a raggi x, sonica, termica, digitale) replichino le modalità cartesiane della visione e pertanto rafforzino le relazioni politiche e sociali di stampo neocoloniale nei confronti del Messico.

La cianotipia è stata usata per creare immagini di camion da trasporto fatte con una macchina a raggi X a retrodiffusione, collegando questo nuovo tipo di immagine digitale ai processi storici di creazione delle immagini, sviluppati all’inizio dell’era moderna. Il processo della cianotipia, utilizzato per la riproduzione di planimetrie architettoniche, entra in risonanza con le figure “in rilievo” prodotte dalla macchina “backscatter”, attraverso immagini che rivelano una inquietante tensione tra l’aspetto meccanico dei camion e il cargo umano che trasportano.

La fisicità di queste immagini, ottenuta attraverso l’arte e le tecniche alternative di stampa, mette sul tavolo l’immediatezza con cui sono state originariamente prodotte e visualizzate, togliendole dallo schermo e dando loro una fisicità e uno spazio per essere visibili al di fuori del contesto originario di sorveglianza.

Noelle Mason è un’artista multidisciplinare il cui lavoro tratta la sottile seduzione del potere dovuta ai sistemi di controllo visuale e istituzionale. Noelle ha esposto i suoi lavori internazionalmente in vari spazi non tradizionali, oltre a gallerie e istituzioni quali il Museo Nazionale di Arte Messicana a Chicago, il museo di Orlando in Florida e il Museo di Arte di San Pietroburgo.

Nel 2004 Noelle ha fatto pratica presso la scuola di pittura e scultura di Skowhegan. Possiede una laurea in teatro e arte dall’Università Irvine, in California e ha ottenuto il suo master alla scuola dell’Istituto d’Arte di Chicago. È professore associato di arte all’università della South Florida.

Jasmine Pignatelli – Sono persone 8.8.1991

Un’opera di Jasmine Pignatelli, a cura di Stefano Straziota e Anna Gambatesa

realizzata da Misia Arte, Cellule Creative e Track Design con WeRent srl, Doronzo Infrastrutture, Elettrotecnica Italiana Smart, SEC Mediterranea srl

con il patrocinio di Arca Puglia Centrale, Comune di Bari

L’OPERA e la TRASMISSIONE MORSE per le CELEBRAZIONI dello sbarco della Vlora

SONO PERSONE 8.8.1991

SONO PERSONE è l’installazione permanente di Jasmine Pignatelli sul lungomare di Bari: un memoriale ad alta intensità poetica e civile a ricordo dei 20.000 albanesi arrivati a Bari con il mercantile Vlora nel 1991. La scultura traduce in codice morse la frase che il sindaco Enrico Dalfino (1935-1994) pronunciò alla fine di una giornata che ha segnato la storia della migrazione mondiale. L’artista rende indelebile una frase, un fatto storico, un cittadino e con lui l’intero popolo barese che ha saputo accogliere quando si doveva accogliere. In occasione dell’anniversario dello sbarco, dalla postazione radioamatoriale A.R.I. (sez.Bari) allestita al Teatro Margherita, le parole che hanno ispirato l’opera verranno affidate all’etere attraverso una trasmissione morse sonora, messaggio universale destinato a raggiungere tutto il globo. L’evento è realizzato da Misia Arte e Cellule Creative con il Patrocinio di Arca Puglia Centrale, Comune di Bari, Regione Puglia, Ordine degli Avvocati Bari, A.R.I sezione di Bari.

Jasmine Pignatelli sviluppa nei suoi lavori riflessioni intorno ai concetti di modulo, segno plastico e linguaggio morse, traducendoli in elementi/forme che determinano e interrogano lo spazio coinvolto. Nelle sue opere l’indagine sulle relazioni tra spazio, tempo, segno e movimento è sempre connessa a intenti emotivi e umanistici alla ricerca di una dimensione poetica ed emozionale della geometria che superi il dato puramente concettuale per comunicare passione civile, sentimento, umanità per una nuova lettura del nostro Essere nell’Esistente.

Jasmine Pignatelli (Toronto, Canada, 1968) vive e lavora tra Roma e Bari. Dopo gli studi artistici e la laurea in Architettura sceglie come campo privilegiato del suo agire artistico la scultura. Geometria Concettuale, Arte Analitica e Programmata sono le principali linee di ispirazione della sua ricerca. Il suo linguaggio artistico si affida ad una geometria umanistica che comunica passione civile, sentimento, umanità. Ha all’attivo mostre collettive e personali. Sue opere sono in collezioni private e pubbliche e ha realizzato sul territorio italiano diverse opere pubbliche.

PhEST – See Beyond the Sea

PhEST è un festival internazionale di fotografia, arte, musica dal Mediterraneo. Il festival si tiene tutti gli anni a Monopoli e inaugurerà la sua quarta edizione il 6 settembre. Tra gli eventi annunciati nelle giornate inaugurali, il concerto gratuito dei C’mon Tigre a Largo Castello a Monopoli.

ABOUT PhEST

Noi siamo una grande penisola gettata nel Mediterraneo e certe volte ce ne dimentichiamo.” (Franco Cassano, Il pensiero meridiano, 1996)

PhEST è fotografia, cinema, musica, arte, contaminazioni dal Mediterraneo.

PhEST nasce da una necessità, quella di provare a restituire una voce propria alle mille identità che compongono il mare in mezzo alle terre, quella di ridefinire un immaginario proprio e nuovo.

La necessità non è quella di cucire la distanza che il Mediterraneo crea tra queste identità perché questo mare semmai le identità le crea e le pone in relazione, ma di ricucire la frattura tra il reale e la sua rappresentazione fuori dal teatro delle verità, dalla scena della verità che spesso l’Occidente è in grado di imbastire.

Quando le voci autrici di quell’immaginario statico sembrano perdersi e vacillare, emerge con chiarezza la necessità di ridefinire, rivedere in forma non assoluta, ma in forma eternamente cangiante. Nel momento in cui tutto sembra dunque meritare una nuova definizione, ci sembrava giusto ripartire da qui, dall’idea destabilizzante di una continua riscrittura del presente.

L’area geografica di interesse, mai davvero restrittiva e sempre pronta a modificarsi, a estendersi, a focalizzarsi, coincide con la naturale panoramica di quello sguardo da qui, da Monopoli, dalla Puglia: il Mediterraneo, i Balcani, il Medio Oriente, l’Africa e oltre.

Questi sono gli spunti di partenza, scansando i dogmi e affidandosi poi all’infedeltà del mare.

PhEST è affidato alla direzione artistica di Giovanni Troilo, la curatela fotografica di Arianna Rinaldo, e all’organizzazione dell’associazione PhEST.

LIVE A TORRE A MARE

5 agosto

Torre a mare – piazza della Torre – 21:30

Live – Rimbamband, Il sol ci ha dato alla testa

con Renato Ciardo, Raffaello Tullo, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo

Il sol ci ha dato alla testa Rimbamband è quanto di più eccentrico si possa inventare. Quando le arti si fondono in una esplosione di fantasia, lo spettacolo diventa “Il sol ci ha dato alla testa”. Cinque straordinari musicisti un po’ suonati che incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano… giocano. Il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile. Una formazione eclettica, frizzante, folle, bizzarra, gustosa e scatenata che diverte e si diverte grazie al vivido sapore ironico delle sue interpretazioni musicali più che originali, in uno spettacolo che “usa” la musica per viaggiare anche al di là di essa. Come nella migliore espressione di un artista che interpreta se stesso, così la Rimbamband propone uno spettacolo fuori dai canoni convenzionali, oltre le righe, senza righe! Una dimensione nuova, inesplorata, dove la musica si dilata: si ascolta come fosse un concerto e si guarda come fosse un varietà. Un viaggio nel passato patinato dei classici da Buscaglione a Carosone ed Arigliano, la sorpresa di trovarli quanto mai simili a Mozart e Rossini, il piacere di scoprire i suoni della danza, l’incanto di ritrovare il proprio fanciullo perduto. La certezza che degli impeccabili suonatori riescano ad assurgere ad esilaranti “suonattori”.

LIVE E DJ SET

6 agosto

Bari – piazza Eroi del Mare – 21:00

Live – 21:00-22:30 – Spaghetti Brothers

Dj Set – 22:30-23:30 – Innocent Soul

Dj Set – 23:30-00:30 – Dj Lillo

7 agosto

Bari – piazza Eroi del Mare – 21:00

Live – 21:00-22:30 – Nicola Conte e Carolina Bubbico

Dj Set – 22:30-23:30 – Claudio De Tullio

Dj Set – 23:30-00:30 – Andrea Fiorito

8 agosto

Bari – piazza Eroi del Mare – 21:00

Dj Set – 21:00-22:30 – Amaronoj

Dj Set – 22:30-23:30 – Amerigo

Dj Set – 23:30-00:00 – Urban solution

TEATRO

9 agosto

Santo Spirito – piazza dei Mille – 21:00

Teatro – Bar qui si gode – Anonima Gr con Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli, Gianni Vezzoso, Nicola Traversa, Antonello D’Onofrio. Regia Dante Marmone

Al “BAR QUI SI GODE” di clienti se ne vedono pochi. Il proprietario non riesce a capirne il perché, forse il motivo sarà che propina prodotti taroccati e marche sconosciute. Ma tra quei pochi avventori, capitano sempre tipi strani che non consumano mai nulla o non pagano mai, e che inoltre lo coinvolgono nelle loro storie contorte e stravaganti.

In questo Bar, con i tavolini all’aperto, si avvicendano una serie di storie curiose, ricche di colore e grande comicità, che nei caratteri e nelle manie dei personaggi, si mettono in evidenza tutti i lati grotteschi che ci portiamo addosso e nei quali il pubblico si può riconoscere… ridendo di sé.

10 agosto

Santo Spirito – piazza dei Mille – 21:00

Teatro – Pane, Amore e Pomodoro

Atto unico di Nico Salatino con Nico Salatino, Anna Maria Tisci, Aldo Fornarelli, Mnonica Angiuli e Anna Maria Damato

Colino suonatore ambulante riceve un invito da Marietta a cantare una canzone a casa sua e per questo gli offre 100 euro. Ma Marietta non dice tutta la verità. La canzone Colino la canterà davanti a Vincenzo, morto per finta. La farsa piena di spunti comici si rifà alla commedia dell’arte.

11 agosto

Santo Spirito – piazza dei Mille – 21:00

Teatro – Bariland con Gianni Colajemma

Tratta dall’opera teatrale di Vito Maurogiovanni “Chidde dì du 188″. Uno spaccato storico della città di Bari negli anni ‘30/‘40. L’attesa del popolo di Bari del passaggio del famoso transatlantico REX. Con Gianni Colajemma, Lucia Coppola e Maria Schino. Un amarcord di una Bari che non c’è più.

DANZA AEREA

12 agosto

San Girolamo – Waterfront – 19:00

Danza aerea – Prime visioni – I suoni dal mare – Ideazione e direzione Elisa Barucchieri, direzione tecnica Alessandro Catacchio, assistenti alla direzione Teri Demma e Germana Raimondo, cura dei testi Selene Favuzzi. Con ospiti speciali: Circ’Opificio di Marika Riggio e Josh Rizzuto e Vertical Studio di Giovanna Nargiso con ResExtensa Dance Company

Colonne sonore famose e visioni in danza a terra, in aria, in acqua al tramonto.

Come sfondo, il sole che tramonta, colonne sonore e parole da film che hanno narrato del mare, danza spettacolare a terra, in aria, in acqua, per uno spettacolo suggestivo e unico, perfetto per una sera di mezza estate. Un momento di musica, immagini, meraviglia, con i profumi e i sapori del mare.

CINEMA

13 agosto

San Girolamo – Waterfront – 21:00

Cinema – Quo vado? (Gennaro Nunziante 2016) – in collaborazione con Apulia Film Commission

Regia di Gennaro Nunziante. Un film con Checco Zalone, Eleonora Giovanardi, Sonia Bergamasco, Maurizio Micheli, Ludovica Modugno. Genere Commedia – Italia, 2016, durata 86 minuti.

14 agosto

San Girolamo – Waterfront – 21:00

Cinema – Lacapagira (Alessandro Piva 1999) – in collaborazione con Apulia Film Commission

Un film di Alessandro Piva. Con Dino Abbrescia, Teodoro Dante Marmone, Nicola Pignataro, Mino Barbarese, Teodosio Barresi. Drammatico, durata 75 min. – Italia 1999.

B.Arts – FESTIVAL DEGLI ARTISTI DI STRADA 

Dal 16 al 18 agosto – 21:00–23:00

Bari Vecchia – B.Arts, Festival degli Artisti di Strada

Coinvolte 17 compagnie per un totale di più di 100 spettacoli.

21:30–22:45 – P1 – piazza del Ferrarese (sala Murat)

u luzze, spettacolo di magia con Luciano De Lucia

Prestigiatore, illusionista: incanterà grandi e bambini che entreranno nel magico mondo dell’artista: musica, colori e magia, apparizioni e sparizioni, ombrelli, sete colorate, bacchette magiche e grandi effetti. Il pubblico meravigliato sarà condotto per mano in un mondo fantastico dove i sogni diventano realtà!

Dalle 21:00 – P2 – via Vallisa

u pulpe, spettacolo musicale con Ugo Custodero

Hang music armoniosa e rilassante, ritmi suadenti in una cornice da fiaba

21:15–22:30 – P3 – piazza del Ferrarese (ex Mercato del Pesce)

l’alisce, stand up comedy con Mattia Triuzzi

Stand up comedy, cioè cabaret in piedi e senza quarta parete, uno spettacolo che nasce tra l’artista e il pubblico ogni volta diverso ed esilarante.

21:15–22:30 – P4 – piazza del Ferrarese (abside Chiesa della Vallisa)

le salipce, circo di strada con Circo Ramingo

Esibizione di circo di strada, i due artisti si proporranno con la rue cyr, i tessuti, il monociclo altissimo e tanto altro… tutto il circo in un unico coinvolgente cerchio.

21:15–23:00 – P5 – piazza del Ferrarese (verso piazza Mercantile)

la rasce, bike man (prima al B.Arts)

Un giocoliere supereroe capace di far muovere tutto ciò che è bike

dalle 21:00 – P6 – piazza Mercantile (ingresso)

le taratuffe, performance magica con Claudio Mottolese

Una performance magica unica che vi rimanderà a terre lontane creando un’atmosfera di illusione sbalorditiva.

21:30–23:00 – P7 – piazza Mercantile (Palazzo del Sedile)

le musce

16 agosto

Sputafuoco con Compagnia dei Birbanti

17–18 agosto

Fachirismo con Fachiro Nirmane

Gli sputafuoco e i fachiri sono artisti: il loro sangue, sudore e lacrime rendono ogni singola esibizione un capolavoro, perché un solo errore può farli finire in fiamme, ma questo non accadrà, l’unico ad infiammarsi sarà il pubblico per le splendide evoluzioni e danze delle lingue di fuoco.

21:15–22:30 – P8 – piazza Mercantile (ingresso Strada degli Orefici)

le rizze, contastorie su trampoli con Carlotta (16 agosto) e Ilaria Laterza (17–18 agosto)

Contastorie da un pulpito particolare: i trampoli, una performance unica e particolare.

21:00–22:45 – P9 – piazza Mercantile (fontana)

le cozze,

16 agosto

Giocoleria con Luca Andolfi

Uno spettacolo di altissima prestazione tecnica, spaziando dalla giocoleria al verticalismo, dall’equilibrismo al coinvolgimento del pubblico grazie alla sua indiscussa capacità istrionica

17–18 agosto

Soccer free style con Alessandro Colazzo

Il Soccer free style è l’arte del palleggio acrobatico, eseguita con un pallone da calcio. Il freestyler si cimenterà in gesti tecnici nei quali utilizza praticamente tutte le parti del corpo, tranne le mani: testa, gambe, petto, collo, schiena, e possono essere eseguiti dalla posizione eretta, da seduti o da sdraiati. Spettacolare!

21:30–23:00 – P10 – piazza Mercantile (lato Guardia di Finanza)

la pelòse

16 agosto

acrobatica aerea con Selvaggia MezzAppesa

Spettacolo di acrobatica aerea, trapezio fisso e tessuti aerei. Spettacolo poetico e divertente, con interazione del pubblico, adatto sia agli adulti che ai bambini.

17–18 agosto

Sand art con Donatello Pentassuglia

Sand art: le storie più belle, che animate sfruttando la plasticità della sabbia, raccolta sulle spiagge pugliesi, modellata dalle mani dell’artista regalano sogni ad un pubblico di ogni età e provenienza.

Dalle 21:00 – P11 – strada Palazzo di Città

l’allive, chitarra e ballerina con Roby Otel e Esmeralda

Una chitarra toccata da abili mani e sulle note latine l’emozionante esibizione di una ballerina romantica e passionale.

Dalle 21:00 – P12–13 – piazza Mercantile, piazza del Ferrarese e via Venezia (itinerante)

la capegnore e ‘mbrell de mare, trampoli del mare con Gabriel Tenrock e Houdry Tramp

I trampoli che non avete mai visto! Direttamente dal mare da ammirare e fotografare e vi faranno anche ballare.

Dalle 21:00 – P14 – piazza Mercantile, piazza del Ferrarese e via Venezia (itinerante)

le dattuè, clown fantasista con Elena nel mondo

Uno spettacolo itinerante, cioè un susseguirsi di gag e situazioni divertenti in movimento tra la folla, l’artista gironzola tra la gente interagendo con chiunque gli capiti a tiro…

STREET ART

Dal 16 al 18 agosto, 19:30

Bari – piazza Mercantile

Street Art in collaborazione con Galleria 206

Piazza Mercantile, 5 postazioni a forma ottagonale (come la sezione di un faro) per 5 writers – Awer, Seme, Milord, Sario De Nola e Nexdom – che con materiali spray dipingono opere ispirate all’ecosistema marino con dei chiari riferimenti al problema dell’inquinamento dei mari: il tema principale dell’evento. Tema al quale sensibilizzare il pubblico.

AWER

Nato a Polignano a Mare nel 1986, inizia a dipingere graffiti intorno al 2000 e nel 2005 si trasferisce a Milano dove si diploma come graphic designer e art director alla Nuova Accademia di Belle Arti e nel frattempo inizia la sua ricerca artistica personale e inizia la sua carriera professionale; attualmente lavora come artista indipendente e tatuatore e ha sede a Berlino.

Il suo lavoro è un mondo basato sulla linea in cui paesaggi e creature oniriche ipnotizzano lo spettatore in questo movimento fluido e vibrante. Ispirato dalle creazioni naturali, dal mare all’anatomia, Awer è un magma fluido in continuo movimento che avanza e si propaga caoticamente, prendendo forma nel flusso di idee che incontra e che il suo movimento genera in una sorta di danza. Uno scenario estetico ipnotico che si serve degli “stilemi” dell’Op Art, della Arte psichedelica e della computer graphic per realizzare surrealistici paracosmi visivi. L’immaginario di Awer è dominato da flussi irregolari di linee parallele che come mosse da onde di un ritmo sonoro si diffondono luminose a mo’ di scie energetiche. Nelle opere astratte come in quelle figurative, come pure nell’alternanza di questi due campi di pertinenza estetica nella medesima opera, l’impatto grafico che emerge dalle composizioni è un’armoniosa summa summarum multi-prospettica. Awer pare possedere un eco scandaglio che gli permette di scannerizzare e visualizzare, attraverso gli ultrasuoni emessi dai suoi pensieri, zone sensibili, tracce magnetiche che evidenziate dalle sue linee confluiscono in rappresentazioni olistiche delle realtà sovrasensibili. Produzioni artistiche che indagano i confini della percezione.

SEME

Uno degli esponenti in attivo della scena contemporanea del graffiti-writing. Dal 2015, è cofondatore di HelpYourSelf; progetto che, sfruttando il network del mondo dei graffiti, si occupa dell’autoproduzione di un brand e della relativa comunicazione. Nella sua pratica si è approcciato spesso anche alla pittura alla quale ha affiancato la dimensione installativa; sviluppando un’attitudine legata all’utilizzo e alla sperimentazione con materiali di risulta. Dal 2017 lavora anche come tatuatore. Si occupa dell’evoluzione fisica delle lettere.

MILORD

Dal 2002 sulla scena barese dei graffiti, nato in seno al background conterraneo, segue un’evoluzione secondo modelli newyorkesi. Il punto di partenza è la descrizione analitica della lettera, che viene scomposta, cancellando ogni stereotipizzazione di essa, quasi in una spirale che si autoavvolge di continua scomposizione, in un processo che non ha mai fine.

SARIO DE NOLA

Nelle opere di Sario, qualunque forma, qualunque linea, è con determinazione dissolta; la macchia di colore, irrisolta, può alludere a suggestioni e idee solo attraverso la gamma cromatica. È un lavoro informale, in senso radicale: dalle opere di Sario è escluso qualsiasi possibile suggerimento, riguardo all’intelligenza della forma. Sario si preoccupa di non inquinare la percezione dello spettatore con suggerimenti o titoli; gli preme, soprattutto, offrire un momentaneo strumento d’accesso a uno stato interiore. Lo spettatore coglie la suggestione inconscia, nascosta in ogni singola opera. Allo stesso tempo l’unità della serie, in cui ogni tela si pone in rapporto stretto con le altre, fa parlare l’artista di successive sequenze di un solo grande lavoro: un’opera unica, in più frammenti; capace, nella sua transitoria varietà, di mettere in scena la gamma piena dell’emotività ancestrale.

NEXDOM

Mondi immaginari in continua trasformazione che collidono e generano nuove geometrie in una miscela di colori, elementi realistici alternati a forme immaginarie, creano infinite possibilità di espressione. Il continuo divenire muta la forma e il colore.

Le bolle sono le cellule che si attraggono e si uniscono e prendono varie forme. Si segue il flusso di energia che arriva dallo spazio in un fluire continuo ed altalenante di energia spaziale. Si canalizza l’energia e la si ferma nell’attimo dopo l’esplosione. La singola cellula si aggrega, le altre si sommano per diventare la parte di un tutto che prenderà forma.

Festa del Mare – Bari 2019 è promossa dalla Regione Puglia in collaborazione con Puglia Promozione e organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese con la supervisione artistica del Comune di Bari nell’ambito della programmazione PO FESR PUGLIA 2014 2020 AZIONE 6.8. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuiti informazioni www.festadelmarebari.it