Siglato il protocollo tra comune di Bari e Asl per la ex Centrale del latte

Politica & Diritti

Riqualificazione ex centrale del latte e realizzazione centro polifunzionale per servizi sanitari. 

È stato siglato questa mattina, a Palazzo di Città, dal sindaco Antonio Decaro e dal direttore generale della ASL BA Antonio Sanguedolce, il protocollo d’intesa per la realizzazione di un edificio polifunzionale per i servizi sanitari territoriali e distrettuali nella ex Centrale del Latte, in viale Orazio Flacco 24.

All’incontro hanno partecipato anche l’assessore al Patrimonio Vito Lacoppola, il presidente del Municipio II Gianlucio Smaldone, i consiglieri comunali componenti della commissione Sanità e il direttore generale del Policlinico Giovanni Migliore.

L’immobile, di proprietà comunale, viene così concesso alla ASL che si farà carico della ristrutturazione, il cui importo previsto ammonta a circa 5 milioni di euro rivenienti da fondi FESR.

Il protocollo prevede che il Comune di Bari si impegni a cedere gratuitamente alla Asl il complesso degli immobili per una durata di 19 anni e la ASL proceda alla riqualificazione complessiva degli edifici che, grazie a una riorganizzazione funzionale degli spazi, dovranno ospitare:

  1. un atrio con accesso al piano terra con una sala d’attesa e un adeguato spazio d’accoglienza; 
  2. un poliambulatorio funzionale per 12 branche specialistiche: tale piastra ambulatoriale potrà essere distribuita su uno o più livelli fuori terra purché collegati con ascensori che abbattano del tutto le barriere architettoniche;
  3. servizi amministrativi all’utenza che includono CUP (Centro unico di prenotazione) , pagamento ticket, anagrafe sanitaria e rilascio esenzioni ticket;
  4. uffici di staff della direzione del Distretto (PUA, UVM, etc.);
  5. uffici per la direzione del Distretto.
  6. spazi per le associazioni di volontariato ad oggi già presenti all’interno dell’immobile.

A fronte di questa intenzione, dando seguito anche alle sollecitazioni più volte pervenute dal Consiglio comunale e municipale, il Comune di Bari ha avviato un’attività di progettazione per realizzare un centro polifunzionale per il welfare e l’erogazione di servizi socio-assistenziali e sanitari all’interno della ex Centrale del Latte, anche allo scopo di poter avere un livello minimo progettuale necessario per poter partecipare a procedure per l’ottenimento dei finanziamenti necessari.

“Oggi mettiamo nero su bianco l’inizio di un percorso che ci porterà ad avere nuovo presidio territoriale sanitario, che sarà realizzato proprio di fronte al Policlinico – esordisce il sindaco Decaro -. Una struttura che ospiterà 12 ambulatori con 12 branche specialistiche e il CUP unico, grazie alla sinergia attivata tra ASL e Policlinico, in modo da offrire un unico servizio di prenotazione ambulatoriale che risponda alle esigenze dei cittadini troppo spesso scoraggiati dalla burocrazia e dalle difficoltà che si verificano nel destreggiarsi in queste situazioni. Credo sia importante per una comunità da un lato poter contare sugli ospedali, e per fortuna in questa città l’offerta tra strutture pubbliche, private e convenzionate continua a migliorare, per interventi di alta specializzazione, dall’altro avere presidi sul territorio che siano immediatamente accessibili e vicini ai cittadini, ai pazienti e alle loro famiglie. Il modello a cui vogliamo guardare è quello della sanità territoriale che offra sia poliambulatori come quello che sarà realizzato in questa struttura e che esiste già nel quartiere di Japigia, sia alle Case della salute, come quella del quartiere San Paolo, dove i cittadini vengono accolti, in alcuni casi anche dai propri medici di base, e accompagnati all’accesso ad alcune prestazioni minime, per cui oggi ancora troppo spesso si ricorre agli ospedali, facendo in realtà un danno alla sanità pubblica. Abbiamo scelto la ex Centrale del Latte per questa funzione, perché può essere il riferimento di un territorio molto ampio con una densità di popolazione importante. Questo è stato possibile grazie al dialogo proficuo tra istituzioni e a una collaborazione che ha incentrato tutto sull’ottimizzazione delle rispettive competenze e risorse. Ringrazio i componenti della commissione consiliare Sanità che in questi anni hanno svolto una funzione di stimolo nei confronti della ASL e della stessa amministrazione comunale, rappresentando l’esigenza di un territorio e della sua comunità”.    

“Questa struttura rappresenterà un “vero e proprio policlinico territoriale” per la città di Bari – spiega il direttore generale della ASL Bari Antonio Sanguedolce -. Cosi manteniamo l’impegno preso con la città e con il sindaco, che in uno dei primi incontri con il distretto sanitario manifestò proprio l’esigenza di individuare una sede adeguata nella zona del Municipio II per rispondere alle necessità di una corposa parte di popolazione. Insieme abbiamo poi individuato la zona e la struttura idonea che sarà riqualificata attraverso un finanziamento di circa 5 milioni di euro, di cui abbiamo già avuto la disponibilità. In questo modo colmiamo una carenza di servizi territoriali nel capoluogo di regione e offriamo ai cittadini un’alternativa valida agli ospedali, primo tra tutti il Policlinico, con presidi territoriali che offrano anche servizi ambulatoriali. Questi sono alcuni dei primi passi che stiamo percorrendo sulla strada della cosiddetta sanità del territorio, che ha come primo obiettivo la vicinanza materiale agli utenti e alle loro famiglie. Questo non significa che questi presidi offrono prestazioni “semplici”. Anzi, stiamo parlando di una medicina ad elevata competenza e formazione che necessità di investimenti e risorse umane specializzate e, per questo, parallelamente stiamo procedendo con il reclutamento di centinaia di unità tra medici infermieri e altre figure specialistiche. Ora lavoreremo per dare immediato seguito alle procedure di progettazione e di utilizzo dei fondi”

“Desidero ringraziare il sindaco per aver scelto di fare un investimento importante – ha detto Giovanni Migliore – concedendo alla ASL un immobile di proprietà comunale con l’obiettivo di avvicinare sempre più la sanità ai bisogni dei cittadini. E’ un progetto che abbiamo seguito sin dall’inizio con grande attenzione.

Il nostro Policlinico è una struttura di riferimento per l’intero territorio regionale, che per svolgere efficacemente il ruolo che il sistema gli riconosce, non può fare a meno di condividere i percorsi di cura con l’azienda sanitaria metropolitana. 

La trasformazione della ex Centrale del Latte in una moderna struttura sanitaria polifunzionale permetterà di realizzare un’effettiva integrazione territoriale dei servizi sanitari, a partire dalla realizzazione del CUP metropolitano. Siamo molto soddisfatti perché presto i nostri concittadini potranno toccare con mano i benefici che questo processo determinerà.

Ringrazio il direttore Sanguedolce che sta portando la gestione dell’azienda sanitaria locale verso un progetto moderno, attuale e di prossimità, che risolverà non pochi problemi”.