A Matera Piergiorgio Branzi per il world press photo 2019

Elezioni 2019

Ultimi giorni per visitare la mostra dei vincitori del World Press Photo 2019, a Matera fino al prossimo 14 luglio. L’esposizione, che comprende i migliori scatti del fotogiornalismo mondiale, è ospitata negli Ipogei Motta, in via San Bartolomeo a pochi metri da via Ridola. Luoghi ricchi di storia e tradizione fanno da sfondo a foto di stretta attualità, che raccontano storie dolorose e piene di speranza provenienti da tutto il mondo.

La mostra del World Press Photo 2019, per la prima volta nella Capitale europea della cultura, si concluderà con due importanti appuntamenti, a ingresso libero, dedicati al mondo della fotografia. Sabato 13 luglio alle 18 presso il Circolo La Scaletta, via Sette Dolori 10, il giornalista e fotografo Piergiorgio Branzi, in conversazione con Enrico Stefanelli, direttore Photolux festival, racconterà la sua lunga carriera. Testimone del nostro tempo, Branzi proporrà un viaggio attraverso la sua Toscana, con le fotografie in bianco e nero degli anni Cinquanta, passando per Mosca, dove ha vissuto cinque anni come corrispondente Rai, e Parigi, fino ad arrivare alla sua ultima produzione, più sperimentale.

Domenica 14 luglio alle 18 il Circolo La Scaletta ospiterà il fotografo toscano Nicola Tanzini per la presentazione del libro fotografico Tokyo tsukiji (Contrasto, 2018),che racconta la capitale del Giappone, soffermandosi su Tsukiji  il mercato ittico più grande del mondo, situato dal 1935 nell’omonimo quartiere al centro della città.

La mostra del World Press Photo, organizzata da Photolux, Biennale internazionale di fotografia di LuccaCircolo La Scaletta, 10b Photography e CIME, è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 22.

 

NOTA BIOGRAFICA PIERGIORGIO BRANZI

Cresciuto a Firenze, comincia a fotografare negli anni cinquanta. Formatosi nella tradizione figurativa toscana, si identifica nel “realismo-formalista”. Nel 1955 intraprende un lungo viaggio in motocicletta, attraverso l’Abruzzo e il Molise, la Puglia e la Lucania, la Calabria e Napoli, ma anche verso le zone depresse del Veneto. L’ anno successivo attraversa la Spagna. Collabora all’esperienza editoriale de Il Mondo di Mario Pannunzio, registrando con le sue immagini la nascita convulsa della società di massa, il formalismo nei comportamenti della nuova borghesia, il graduale processo di omologazione consumistica. Verso la fine degli anni Cinquanta, dopo aver abbandonato gli studi di giurisprudenza, rallenta l’attività fotografica cercando uno sbocco nel giornalismo scritto. All’inizio degli anni sessanta è assunto dalla RAI. Nel 1962 il direttore del Telegiornale, Enzo Biagi, lo invia a Mosca, quale corrispondente televisivo occidentale nella capitale sovietica. Nel 1966 lascia Mosca per assumere l’incarico di corrispondente da Parigi. Dopo il maggio 1968, rientra a Roma come conduttore e inviato speciale del Telegiornale. Realizza inchieste e documentari in Europa, Asia, Africa. Dopo l’esperienza moscovita lascia la fotografia sperimentando la pittura e l’incisione. Riprende a fotografare a metà degli anni novanta per una rivisitazione dei luoghi pasoliniani. Dal 2007 sperimenta le possibilità della tecnica digitale. Numerose mostre personali delle sue immagini sono state ospitate in Gallerie private, Musei e Istituzioni pubbliche.