Matteo Salvini. Un ingenuo al potere

Matteo Salvini. Un ingenuo al potere
Matteo Salvini fuori di sé dalla rabbia perché Alessandra Vella, gip di Agrigento, non ha convalidato l’arresto di Carola Rackete. A me Matteo Salvini sembra una brava persona, in buona fede e di sconcertante ingenuità. Alle volte si mette il casco degli operai e si sente operaio, crede in quel momento d’essere un operaio, si veste da pompiere e crede d’essere un pompiere, indossa il giaccone del poliziotto e crede d’essere un poliziotto. Per fortuna non si mette a sparare. Questa volta non ha indossato la toga del magistrato, però evidentemente si è sentito giudice, e ha “sparato” la sentenza nei riguardi della povera comandante. Dove sta l’ingenuità del bravo ministro dell’Interno? Semplice: non è un avvocato e non è un magistrato. Non conosce la legge e crede di conoscerla. Brava persona sicuramente, ingenua sicuramente. Le persone ingenue spesso sono presuntuose senza saperlo. E questo è l’inconveniente di un ingenuo al potere. 
Carmelo Dini

Redazione

Redazione