Autonomia regionale conferenza del prof. Guido Pescosolido

Politica & Diritti

MATERA – Venerdì 7 giugno alle 18.30 a Matera, presso la Camera di Commercio, via lucana 82, si terrà la conferenza del prof. Guido Pescosolido,nell’ambito del ciclo d’incontri sul futuro del Mezzogiorno “Autonomia regionale e unità del Paese”, organizzato dal Circolo La Scaletta, con il patrocinio del Comune di Matera.

L’incontro con il prof. Pescosolido, ordinario di Storia moderna nell’Università di Roma “La Sapienza”, approfondirà il tema del suo ultimo libro“La questione meridionale in breve. Centocinquant’anni di storia” Donzelli editore 2017, in cui ripercorre l’evolversi delle condizioni del Mezzogiorno e del ruolo da esso svolto nello sviluppo economico e sociale del Paese, dall’Unità d’Italia alla condizione attuale. Una questione antica e irrisolta ancora caratterizzata da un profondo divario tra Nord e Sud che rischia di aumentare ulteriormente con il regionalismo differenziato, un progetto pericoloso per le regioni del Sud, che porterebbe all’ “eutanasia della questione meridionale”. Un aspetto emerso con forza nel corso del ciclo di conferenze “Autonomia regionale e unità del Paese” che nei mesi scorsi ha approfondito il tema dell’autonomia regionale differenziata, attraverso il contributo d’importanti relatori come Andrea Bassi, giornalista del “Messaggero”, Adriano Giannola, presidente SVIMEZ, e Marco Esposito, giornalista del “Mattino” e autore del libro “Zero al Sud”. L’iniziativa, finalizzata al rilancio del Mezzogiorno, a partire da Matera Capitale europea della cultura 2019, si concluderà con la redazione di un documento ufficiale, in grado di esprimere, oltre al dissenso, una proposta unitaria di riequilibrio territoriale, per la difesa dei diritti e del futuro del Mezzogiorno.

All’incontro interverranno Francesco Vizziello, presidente del Circolo La Scaletta e Raffaello De Ruggieri, sindaco di Matera. Modera Milena Manicone, giornalista

Guido Pescosolido è ordinario di Storia moderna nell’Università di Roma «La Sapienza». Ha insegnato nelle Università di Messina, della Tuscia, di Napoli Federico II, Roma Tre e Luiss. Tra le sue pubblicazioni sulla storia economica, sociale e politica dell’Italia dal secolo XVII ai nostri giorni ricordiamo: Terra e nobiltà. I Borghese. Secoli XVIII e XIX (Jouvence, 1979); Agricoltura e industria nell’Italia unita (Laterza, 20044); Unità nazionale e sviluppo economico in Italia. 1750-1913 (Edizioni Nuova Cultura, 2014); Nazione, sviluppo economico e questione meridionale in Italia (Rubbettino, 2017).