Elisa Tempestini: E’ tutto pronto per il Cross Trofeo

Sport

“Lo Sport delle donne” sarà presente al Cross Trofeo Città di Nettuno

Matteo SIMONE

Il Cross Trofeo Città di Nettuno è giunto alla 13ª edizione sulla distanza di 10.000 metri con partenza dal Poligono militare di tiro – Nettuno (RM) in data Domenica 02/06/2019 ore 09.30. La gara prevede la premiazione dei primi/e cinque assoluti e i primi/e cinque di categoria + le prime cinque società con un minimo di 15 atleti arrivati. E’ una gara organizzata dall’APS-SD Spiragli di Luce in collaborazione con la Podistica Solidarietà.

Il percorso è ricavato all’interno della riserva naturale di Torre Astura, nell’area del poligono militare di Nettuno, su un fondo misto con un passaggio sulla spiaggia. Il ritrovo è alle ore 8:00 e la partenza è prevista alle ore 9:30 presso il poligono militare di Nettuno all’ingresso del bosco Folino. Iscrizioni www.spiraglidiluce.it e su https://www.enternov.it//it/browse/nettuno-2019

Di seguito Elisa Tempestini ci aggiorna rispetto ai preparativi rispondendo ad alcune mie domande: Allora tutto pronto per il 2? “Ciao Simone, sì per il 2 giugno è tutto pronto, mancano gli ultimi ritocchi, carica scarica, pacchi gara etc. tutto ciò che serve per una gara podistica, tanta concentrazione, non bisogna dimenticare nulla, poi diventa un gioco.”

In effetti Elisa è già pratica di gare da atleta partecipante e da organizzatrice essendo alla 13^ edizione di questo Cross Trofeo Città di Nettuno, sa come trattare le persone compresi eventuali vegetariani e vegani, sa allestire il tutto con il contributo della grande squadra Podistica Solidarietà.

Quindi ci sarà da faticare e divertirsi portando a casa traguardi, podi, pacchi gara, acquisti di prodotti locali ed eventuali libri che possano interessare, tra i quali “Lo sport delle donne” che parla proprio di donne che si mettono in gioco nello sport per cambiare stile di vita, per dimagrire, per smettere di fumare, per uscire da momenti difficili o anche donne che superano gli uomini in termini di performance atletica soprattutto in gare di endurance e anche di tante donne che hanno indossato la maglia della nazionale: Com’è rimettersi in gioco in questa gara?Ogni anno è diverso, sono più adulta, e riesco a mantenere la calma, troppa burocrazia, troppo spreco, noi che abitiamo fuori Roma facciamo i miracoli per attirare gli atleti della grande città, per far ammirare che anche in provincia ci sono paese deliziosi, in questo caso Nettuno, da far conoscere.”

Confermo, ho partecipato un paio di anni fa, un bel percorso tra sterrato, spiaggia con alcuni atleti che facevano il tuffo in acqua durante il percorso, e poi ristoro straordinario, si può fare la spesa di prodotti locali e anche biologici: C’è una parola, frase, sensazione?La parola che mi far sentire bene: ‘Un sorriso vale più di 100 parole’.” Dedichi a qualcuno questa gara?Visto che sono 13 anni che è un memorial, Benito Macagnano, un atleta generoso che ci ha lasciato tanti anni fa, lui portava solidarietà nei paesi bisognosi, era uno di noi, amava donare, ma in verità la dedico anche ai ragazzi che sono loro i veri protagonisti.”

Belle parole, bel gesto, una gara di cuore con persone che possono lasciare a casa negatività e presentarsi con il sorriso disposte a incontrare gente e godersi una mattinata all’aria aperta e, volendo, restare anche il pomeriggio a mare dopo aver faticato ed essersi rifocillati a modo: Cosa vuoi dire alle ragazze e donne del mondo?  “Che non dobbiamo mai arrenderci, abbiamo conquistato il mondo con lo Sport e l’Amore, dobbiamo trasmettere solidarietà alle persone che sono meno fortunati di noi, ai disabili, alle persone anziane, agli extracomunitari.” 

A volte le donne possono diventare una grande forza soprattutto insieme, possono cambiare le sorti del mondo con semplici gesti e coinvolgendo adulti e bambini: Cosa ci dobbiamo aspettare il 2 giugno?Tanta gioia, Amore, non è la solita gara podistica, ma una solidarietà che ci accomuna, che ci unisce per uno scopo importante in questo giorno, tante novità, la presentazione del tuo libro ‘Lo Sport delle donne’ un evento unico dove meglio presentare un libro dedicato allo sport delle donne? Nello sport.”

Un grazie per ospitare oltre a tutti gli atleti e i famigliari anche il mio libro che come dice lei parla di donne che praticano sport per star bene, per stare insieme ad altri, per competere anche, e per esser protagoniste, per dimostrare che ci sono anche loro: Come vanno i progetti di Spiragli di luce?I progetti vanno avanti, l’ultimo che abbiamo intrapreso, finanziato dalla fondazione Porfiri, una gita ad Ostia Antica, per andare a visitare gli Scavi antichi della bella Roma. I ragazzi sono usciti dalle loro case, e per loro è stato un giorno importante, si sono sentiti come gli altri inseriti nella società. Il prossimo progetto il centro Estivo grazie al ricavato della gara podistica e di tanti sponsor che ci hanno regalato questo sogno.”

Si può fare tanto con piccoli gesti che diventano mattoncini per progetti solidi che aiutano persone a sentirsi vivi e partecipi e parte della collettività: Cosa vedi davanti a te?Sono sempre una persona positiva, i progetti si realizzano perché si desiderano. A presto, grazie di tutto.”

Un grazie a Elisa per quello che fa con i ragazzi con disabilità e persone in condizione svantaggiate, per le sue energie nell’organizzare una gara per raccogliere fondi per i progetti per “Spiragli di luce”, la sua associazione dedicata a queste persone.

Un arrivederci al 2 Giugno dove, in occasione del “Cross Trofeo Città di Nettuno”, Elisa Tempestini e l’Associazione Spiragli di luce mi daranno la possibilità di presentare il libro “Lo sport delle donne” edito da Prospettiva Editrice e gli altri miei libri quali: Sport, benessere e performance; Ultramaratoneti e gare estreme; Sviluppare la resilienza; O.R.A. Obiettivi, Risorse, Autoefficacia.one.html