Economia in ombra?

Politica & Diritti

Pur con l’avvio del “Contratto di Governo” Di Maio/Salvini, i conti sembrano non tornare. I meccanismi, che hanno alterato la previdenza sociale e la stessa vita di generazioni che in pensione non ci andranno più penalizzati, dovrebbero essere verificati.

Quando? Senza un impegno politico è difficile. Anzi, inattuabile. A questo livello, anche l’Opposizione politica è in scacco. Un’altra mossa e lo scacco potrebbe rivelarsi “matto”. I provvedimenti governativi, se ci saranno, serviranno solo a tamponare una situazione che, sotto la superficie, continua a erodersi. Chi ne capisce più di noi, ha calcolato che, con l’attuale orientamento, si potrà tirare avanti per poco tempo. Poi, le pensioni resteranno un sogno nel cassetto per tanti italiani; oggi relegati alla disoccupazione o al precariato.

Le soluzioni, per evitare di vivere oggi con le risorse che avrebbero dovuto servire per il futuro, ci sarebbero. Prescrivono però, una serie d’interventi che avrebbero leso coinvolgimenti politici nell’immediato. I dati e le percentuali parlano chiaro: nel Bel Paese la disoccupazione è ancora a due cifre. Il precariato langue e i cassintegrati sono sospesi alla corda di un infelice destino. La politica ha sempre un costo insostenibile. La nostra Repubblica ha bisogno di programmi per risanare l’economia. Interessati all’evoluzione politica nazionale, continueremo a monitorare i mutamenti della Penisola che ha da rimuovere i disordini di questa giovane Terza Repubblica. La nostra, purtroppo, resta un’economia in ombra.

Giorgio Brignola