Comunali Bari, Iniziativa Democratica consegna il suo programma a Decaro

Politica & Diritti

Comunali Bari, Iniziativa Democratica consegna cinque cartelle di programma ad Antonio Decaro

Pisicchio: “Continuare il percorso delle buone amministrazioni di centrosinistra. Dall’altra parte i nostri competitors non vogliono il confronto”.

Cinque cartelle di programma con temi su sicurezza, lavoro, inclusione, ricuciture sociali e verde urbano. Sono i temi portanti del programma di Iniziativa Democratica presentati questa mattina a Bari nel comitato di viale Unità d’Italia (13 e/f) dal leader del movimento e capolista al Comune, Alfonso Pisicchio, alla presenza del candidato sindaco del centrosinistra Antonio Decaro.

La lista di Iniziativa Democratica si presenta al Comune di Bari con ben 20 donne sul totale dei 36 candidati, diventando di fatto la compagine più rosa di questa competizione elettorale.

“Abbiamo uomini ma soprattutto donne di comprovata esperienza, che sapranno dare il giusto contributo – ha spiegato Pisicchio -. Ci siamo aperti al mondo civico con candidati provenienti da diversi ambiti professionali: dirigenti sanitari, liberi professionisti, giornalisti, docenti e tanti giovani. Dobbiamo continuare il percorso tracciato dalla buona amministrazione Decaro perché come recita il suo spot non vanno lasciate le cose a metà. Dalla nostra abbiamo idee, progetti e opere che in questi quindici anni di centrosinistra hanno davvero cambiato il volto della città. Peccato che invece i nostri competitors abbiamo deciso di sottrarsi a ogni tipo di confronto. La democrazia è confronto sulle idee, sui programmi, non sui silenzi”.

Pisicchio ha anche lanciato un appello a una campagna elettorale “trasparente, seria e senza strani movimenti”. “La politica della qualità deve prevalere sulla politica del ricatto. E chi è a conoscenza di certi meccanismi deve subito denunciare”.

Nel suo intervento Antonio Decaro ha ricordato i dati certificati “che fanno di Bari una città davvero europea e turistica” e tutti i contenitori culturali “già aperti e in fase di inaugurazione” come l’Auditorium Nino Rota, il Museo Archeologico, i teatri Piccinni e Margherita, la Sala Murat e l’ex Mercato del Pesce. “E se l’Accademia delle Belle arti – ha ricordato Decaro – troverà una sede dignitosa nella ex Caserma Rossani – il merito è anche di Alfonso Pisicchio. L’idea è stata sua”.

Infine uno sguardo sulle Europee, dove Pisicchio è candidato con “+Europa” nella Circoscrizione Sud. “Credo – ha concluso Decaro – che una persona competente come Alfonso meriti di andare in Europa. Con Alfonso sarà l’Europa a ricordarsi della Puglia e di Bari. E non saremo più noi a dover ricordare all’Europa di esserci”.