Europee 2019: Carlucci redigere un programma dal basso

Politica & Diritti

Europee 2019: Carlucci lancia la richiesta ai territori di redigere un programma dal basso. Abbaticchio: “Sarei ‘Sindaco’ in Europa”

 “Il nostro metodo è sempre stato questo: ascolto delle comunità, raccolta delle istanze dei territori, confronto e dialogo con i cittadini, niente ideologia ma concretezza, valori forti e partecipazione. E questo “approccio civico” alla politica lo vogliamo portare in Europa con Michele Abbaticchio, Sindaco di Bitonto, cittadina pugliese di 55mila abitanti, riconfermato a furor di popolo nel 2017 col 61%, al primo turno, nonostante avesse tutti i partiti contro.”  Così, il sindaco di Acquaviva e vicecoordinatore regionale del partito Davide Carlucci che non ha fatto mai mistero di condividere con estremo entusiasmo la scelta del partito, poi avallata dallo stesso interessato, di fare di Abbaticchio il candidato pugliese di punta della lista europea in cui si schiera anche Italia in Comune.

“Per questo– ha continuato Carlucci- il programma di Michele lo vogliamo scrivere dal basso, come abbiamo sempre fatto nelle nostre città. Lotta alle mafie e alla corruzione, rilancio del Sud come area centrale in un Mediterraneo solidale, contrasto alla secessione delle regioni ricche in Europa, difesa dell’ambiente,  affermazione del diritto universale alla casa e promozione della creatività giovanile e, contestualmente, ad avere un lavoro stabile nel posto in cui sono nati, sono già alcuni dei punti qualificanti del programma di Michele. Noi di Italia in Comune però vogliamo costruire insieme a lui un programma ancora più ampio, che raccolga spunti e idee da tutta l’Italia Meridionale, da Locri a Melfi, da San Severo a Termoli, da Sulmona a Cosenza. Ai cittadini del sud Italia chiediamo, dunque, di raccontarci le loro esperienze per esempio nella riqualificazione dei beni confiscati alla criminalità, nella valorizzazione delle aree agricole abbandonate, nella creazione di spazi giovanili, nella promozione di spazi di innovazione sociale. Il senso è portare in Europa l’energia del Mezzogiorno più vivace, quello di tante ragazze e ragazzi che, per necessità o per scelta, mettono a disposizione la loro creatività per dare valore aggiunto a Berlino o a Barcellona o nei centri storici e nelle periferie della loro città”.

Per tali ragioni, i leader del partito hanno fatto sapere che saranno nei comuni di Puglia con i loro gazebo, al fine di interfacciare e recepire le proposte della gente.

Vorremmo che la gente comprendesse che il Parlamento Europeo non è un organismo lontano anni luce da quello che ci capita tutti i giorni, anzi, al contrario, probabilmente è uno dei luoghi in cui maggiormente si può fare la differenza.- è intervenuto lo stesso Michele Abbaticchio che, sulla sua eventuale elezione, ha continuato-  Indubbiamente, io rimarrò legato al mio territorio e una cosa è certa: non lo abbandonerò mai. Qualora eletto, svolgerei il ruolo istituzionale esattamente con lo spirito con cui ora faccio il sindaco ovvero quello di far crescere le nostre realtà territoriali… solo,  a un livello più alto e con mezzi più adeguati a quelli di cui dispone, oggi, un amministratore locale”.