Bestie che fingono d’essere uomini

Cronaca

Di norma gli animali si accoppiano dopo un corteggiamento e senza violenza dell’uno sull’altro. Gli orsi polari si accoppiano dopo ore di annusamenti, strofinamenti, rincorse e capriole. Le tigri, femmina e maschio, si strofinano e si rotolano per terra rendendo evidenti le proprie intenzioni. La leonessa miagola, fa le fusa e si rotola a terra, strusciando la testa e il corpo su oggetti e sul muso e il corpo del maschio. Un po’ come fanno le gatte.

Esistono bestie, però, che per accoppiarsi ricorrono alla violenza. E capita ogni tanto che a queste bestie venga in mente di prendere le sembianze d’uomini. Vivono in mezzo agli altri uomini, camminano come gli uomini, mangiano come gli uomini, si vestono come gli uomini e nessuno si accorge che non sono uomini ma bestie. Due di queste bestie in sembianza d’uomo, ad esempio, vivevano in quel di Viterbo ed erano diventati militanti di CasaPound. Uno dei due era diventato consigliere comunale di Vallerano. Un giorno, non essendo uomini ma bestie, seguirono il loro istinto, bestiale per l’appunto, e  tormentarono e violentarono una donna. Adesso li hanno messi in prigione, come se fossero uomini. Non li hanno rinchiusi in una gabbia allo zoo.

Renato Pierri