Tutto fuori controllo a Roma, anche i fiori

Ambiente & Turismo

Per alcuni minuti fuori controllo, Virginia Raggi qualche giorno fa ha detto che Roma è fuori controllo. Ed è vero. Topi, piccioni e gabbiani e i loro escrementi sono fuori controllo. Gli alberi sono fuori controllo. La vegetazione prepotente grazie alle piogge della primavera, fuori controllo, sta invadendo i marciapiedi della città e i cigli delle strade, dove, bellissimi tra l’altro in questo periodo, ma fuori controllo, crescono fiorellini gialli, papaveri e persino oleandri in una festa di colori. Bellissimi, ma i fiori stanno bene nei campi, sui balconi delle case, nelle aiuole e nei giardini.

E purtroppo fuori controllo, il giorno 26 aprile, i resti della baraccopoli di viale Palmiro Togliatti, posta sotto sequestro da oltre tre mesi, sono andati in fiamme. Una nube nera fuori controllo, carica di diossina fuori controllo, ha invaso i quartieri di Tor Sapienza, Collatino e Colli Aniene. Fuori controllo, i veleni sparsi nell’aria sono entrati nei polmoni degli abitanti dei tre quartieri, nei polmoni dei bambini dei tre quartieri. Doloso o non doloso l’incendio semplicemente non ci sarebbe stato, se si fosse provveduto in tempo a ripulire la zona fuori controllo.