Circolare Salvini, ira vertici militari

Politica & Diritti

La circolare, come si legge nella stessa nota diramata dal Viminale, sarebbe infatti stata inviata non solo ai vertici delle forze dell’ordine, su cui il vicepremier ha una diretta competenza, ma anche ai vertici militari di competenza del ministero della Difesa.  Episodio che, riferiscono varie fonti all’AdnKronos, avrebbe suscitato l’ira dello Stato Maggiore. Un atto, dunque, considerato ostile e che in queste ore in via XX Settembre rappresentano come “una vera e propria ingerenza senza precedenti nella recente storia della Repubblica”.
“Quel che è accaduto è gravissimo”, aggiungono le stesse fonti, perché “viola ogni principio, ogni protocollo” e costituisce “una forma di pressione impropria” nei confronti del Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli. “Non è che un ministro – proseguono – può alzarsi e ordinare qualcosa a un uomo dello Stato. Queste cose accadono nei regimi, non in democrazia. Noi rispondiamo al ministro della Difesa e al Capo dello Stato, che è il capo Supremo delle Forze Armate”.
LA REPLICA – ”Siamo tranquillissimi perché il Viminale è la massima autorità per la sicurezza interna. Quindi la direttiva sui porti è doverosa, oltre che legittima, a fronte di un pericolo imminente” dice Salvini. Fonti del Viminale sottolineano che all’articolo 12 del testo unico sull’immigrazione è previsto che le navi della Marina Militare ”possono essere utilizzate” per ”concorrere alle attività di polizia in mare”. La stessa legge sull’immigrazione, all’articolo 11, attribuisce al ministro dell’Interno la responsabilità di emanare ”le misure necessarie per il coordinamento unificato dei controlli sulla frontiera marittima e terrestre italiana”. Anche per questi motivi la Marina Militare è una delle istituzioni beneficiarie delle rilevanti risorse finanziarie di derivazione europea e che il Viminale gestisce per la tutela delle frontiere marittime.
<p>”La Trenta mi accusa di ingerenza sui porti? Mio compito è difendere i confini, combattere terroristi e scafisti” ha detto poi Salvini, entrando alla Camera per un incontro con i parlamentari leghisti per far il punto sulle attività di Camera e Senato. Ai cronisti che gli chiedono se i porti siano chiusi o aperti, risponde: “Io ho il diritto-dovere di decidere in quale porto sbarca tizio o caio: finché sarò io a decidere non c’è nessun porto disponibile per far sbarcare tizio o caio”.
QUIRINALE  – A questo punto Mattarella, anche nella sua veste di Capo delle Forze Armate, segue con molta attenzione una vicenda delicatissima che porta con sé una serie di ripercussioni assai complesse: per questo il Presidente della Repubblica si guarda bene da far trapelare reazioni e prese di posizione che rischierebbero di minare equilibri già messi a dura prova.
E’ nota la preoccupazione e la sollecitazione che ha sempre accompagnato Mattarella, che negli oltre quattro anni del suo mandato ha più volte ribadito la necessità per chi ricopre incarichi pubblici di rispettare i “propri limiti” e “le competenze altrui”. Per il Capo dello Stato si tratta di “una regola sempre da rispettare quella del limite delle proprie competenze, perché è anche la migliore garanzia per la difesa dei confini delle competenze di cui si è titolari”.
GENERALE ROSSI – “E’ vero che l’azione di Salvini fonda su appigli giuridici e normativi legati alle sue mansioni di responsabile della sicurezza” ma “opportunità politica vorrebbe che tra i ministeri dell’Interno e della Difesa, su materie ‘confinanti’, ci fossero sempre contatti preliminari che evidentemente in questa occasione non ci sono stati” dice all’AdnKronos il generale Domenico Rossi, ex sottosegretario alla Difesa, commentando il caso suscitato dalla direttiva Salvini sull’immigrazione.
La circolare “è indirizzata anche al Capo di stato maggiore della Difesa, che in effetti può sedere alle riunioni del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza. Ma obiettivi strategici di così ampia valenza e importanza – avverte Rossi – richiedono necessariamente un preventivo accordo tra ministeri”.