Italia e Malta insieme contro i clandestini

Politica & Diritti

 “Contatti formali” tra il Viminale e il governo maltese, con l’ambasciatrice de La Valletta ricevuta stamattina al ministero dopo il caso del mercantile dirottato. Lo fanno sapere fonti del Viminale, che parlano di nascita di “un asse anti-clandestini”.

L’occasione, viene sottolineato, “è ritenuta utile per aprire una nuova fase di collaborazione tra i due Paesi. A breve verranno elaborate proposte concrete per intervenire contro l’immigrazione clandestina e il traffico di esseri umani nel Mediterraneo”.Era anche ora: il nemico non è Malta, sono i clandestini. E non devono arrivare né in Italia né a Malta: devono essere rispediti in Africa. Non come stamani, con l’errore madornale di avere permesso lo sbarco dei dirottatori.