Home Cronaca Bari, “figlio di due donne”

Bari, “figlio di due donne”

Caroppo (LEGA), un aberrante capriccio ideologico, Tribunale non lo consenta

«Il Comune di Bari, nella qualità di delegato del Governo ma in dissenso dallo stesso e in violazione di ogni legge, ha attestato una circostanza non vera e impossibile, ovvero che un bambino sarebbe nato da due donne. Benissimo, dunque, ha fatto oggi il Ministero dell’Interno ad opporsi a questo capriccio ideologico ai danni di quel bambino: il Tribunale non lo consenta» ad affermarlo in una nota è il Segretario pugliese della Lega, il consigliere regionale Andrea Caroppo.

«La arbitraria scelta del Comune di Bari è contraria alla legislazione nazionale, perché priva il minore di una figura genitoriale (avrebbe due mamme ma nessun padre) e del diritto alla sua piena identità, genetica e biologica. Quell’atto è contrario all’ordine pubblico, interno e internazionale, e non persegue affatto il migliore interesse del minore che, anche senza trascrizione, avrebbe gli stessi diritti personali. Si tratta di un capriccio meramente ideologico teso a far dire ai documenti già che la realtà rende impossibile.

Mi auguro – conclude Caroppo – che il Tribunale di Bari aderisca ai rilievi del Ministero dell’Interno, titolare del potere in questione».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui