Dillo con un verso

Politica & Diritti

Il prossimo 21 marzo, oltre ad accogliere l’arrivo della primavera, gli amanti delle rime del Liceo Moscati di Grottaglie festeggeranno la Giornata mondiale della poesia, istituita dall’Unesco nel 1999, con la mattinata “Dillo con un verso”, dedicata a Salvatore Quasimodo, a sessant’anni dal Nobel. L’evento sarà inaugurato a partire dalle ore 9:30 dalla soprintendente Maria Picarreta, dalla Dirigente Scolastica Anna Sturino e dal funzionario Sabap-Le Pierfanco Bruni, poeta, scrittore e critico letterario.

La mattinata in versi sarà ospitata nel Parco archeologico di Collepasso, i cui preziosi sassi riprenderanno vita attraverso la declamazione della poesia di tutto il mondo. Un incontro nazionale che vede al centro la lirica greca tra i rigati archeologici ellenici. Beni culturali e scuola nel nome della “ArcheoPoesia” con lettura di testi e canti in greco. Protagonisti saranno i ragazzi dell’indirizzo classico e delle scienze umane, che hanno scelto e scritto alcuni versi con la tecnica del “rampino” su dei cartigli, strumento di espressione della poesia, guidati dai docenti di lettere con il capo dipartimento prof. Dino Castelli e il coordinamento artistico della docente Irma Falcolini. Il funzionario Sabap-Le Laura Masiello racconterà Collepasso, la docente Marilena Cavallo narrerà il significato e la poetica dei Navigli attraverso la lettura dell’opera letteraria “L’ombra di Platone” di Pierfranco Bruni, mentore e anima dell’evento che evoca la bella poesia attraverso un dialogo fatto di documenti, testi, ricordo dell’origine di Taranto, culto della Magna Grecia e valore del mito.

Un percorso in cui arte e saperi si intrecciano per dare voce ad una eredità profonda all’interno della cultura del Mediterraneo. Infatti Taranto rivivrá il suo viaggio ellenico grazie alle traduzioni di Quasimodo dai Lirici Greci con particolare “scavo” alla parola di Leonida di Taranto. Attraverso l’unione delle arti e quindi il canto ellenico di Simona Cucci, le letture dei lirici greci di Massimo Cimaglia ed il linguaggio del corpo con l’espressionismo astratto della prof. Titti Mastria sarà omaggiato il poeta del canto greco di Taranto nella traduzione quasimodiana. Un viaggio che dalla poesia antica riporta ai nostri poeti, tra cui Bruni e che avrà culmine nella giornata centrale della settimana della cultura, da anni appuntamento letterario fisso del Liceo Moscati, che quest’anno ospiterà in video conferenza proprio il figlio di Quasimodo, l’attore Alessandro.

Il mondo della Scuola, quindi, nel giorno della “poesia” abbraccerà la missione culturale della soprintendenza archeologica e farà vibrare il cuore antico della città dei due mari, con le giovani voci degli studenti del Moscati che declameranno in versi i cartigli poetici sulle pietre antiche del Parco di Collepasso.

Evelyn Zappimbulso