Pharma Giuliani  Bari perde il derby contro Libera Virtus Cerignola

Sport

Pharma Giuliani  Bari perde 3-1 il derby contro Libera Virtus Cerignola

Ora le baresi occupano l’ultimo posto nel girone D di B1 femminile

Pharma Volley Giuliani Bari deve arrendersi nel derby pugliese di ritorno della B1 femminile. La Cannone Libera Virtus Cerignola porta a casa i tre punti, vincendo 1-3 in un Palamartino infiammato dal mai domo tifo barese. La partita è appassionante e divertente come accade quasi sempre tra le due squadre. Pvg, priva del libero Minervini, si accende solo a tratti, non regge l’urto degli attacchi delle forti avversarie che nel primo set travolgono Cariello e compagne. Meglio nel secondo, vinto solo per un’incollatura dalle ofantine; segnali di risveglio confermati nella terza frazione conquistata nettamente dalle foxes. Nel quarto set, ancora una volta, le ragazze di coach Zambetta tengono testa alle ospiti però solo dopo aver accumulato un cospicuo svantaggio, ridotto da una bella rimonta che non è sufficiente a portare il match al tie-break.

Pvg viene sorpassata anche da Expert Volley Palmi che ha battuto Arzano al tie-break: ora le foxes sono il fanalino di coda del girone D con 13 punti, a -1 dalle calabresi Palmi e Lamezia.  Il prossimo turno, il 21o, porterà Pvg in Sicilia, a Modica, Palmi impegnato sul campo del Casal De’ Pazzi mentre Lamezia attende il Santa Teresa di Messina.

 – La partita –

Coach Zambetta schiera Romanazzi in regia (con alcuni spezzoni di gara per Pedone) e Peonia opposto, di banda Caputo eCariello, al centro Labianca e Piemontese, libero Valecce; Breviglieri deve fare a meno dell’ex Montenegro e risponde con la diagonale Minervini-Mauriello, Martillotti e Facendola laterali, Cesario e Neriotti sottorete e Pisano libero.

 Mauriello e Martillotti colgono impreparate le baresi e scavano rapidamente un solco importante tra le due squadre: 2-7. Da posto 4, Pvg trova un pertugio per risalire, soprattutto con Cariello, top scorer premiata come miglior giocatrice della partita: 6-9. Da centro è Cesario a far la voce grossa nella prima frazione, l’ace di Minervini aumenta il gap: 7-14. Altra battuta vincente di Facendola, seguita dai colpi di una delle tante ex della partita, Paola Cesario: 8-19. Cerignola approfitta dei tanti errori locali e prende il largo. Mauriello mette a terra il 10-23, Martillotti la chiude sul 14-25.

Piemontese e Labianca cominciano a farsi sentire sottorete, risponde Neriotti due volte (17 punti per lei, come per Mauriello): 4-4. Parziale con maggior equilibrio, rotto da tre ace consecutivi di Mauriello che portano al 12-15. Due acuti di Cesario, poi accorciano Caputo e Piemontese: 18-20. Due muri vincenti di Peonia esaltano il pubblico del Palamartino, ma Mauriello e Martillotti sono sul pezzo: 22-24. Cariello annulla il primo set point, poi la fast di Neriotti risolve il parziale in favore delle ospiti:23-25.

Si è intravisto un risveglio della Pvg, confermato nella terza frazione. Il grande equilibrio è spezzato dal colpo del 6-8 di Cesario. Muro di Piemontese per agganciare il 9 pari, ci pensa Cariello  a mettere a segno il sorpasso: 10-11. Labianca capitalizza una ricezione ospite poco precisa: 10-13. Cambio in regia per Breviglieri che inserisce Angelelli per Minervini. Mani fuori di Peonia, seguito da un bel colpo di Cariello: 16-11. Caputo allunga il distacco prima dell’ace di Cariello: 19-12. Ci provano Facendola e Neriotti a colmare il divario, ma Caputo colpisce due volte in posto 5: 22-14. Altro cambio per Libera Virtus con Palladino per Facendola. Altro diagonale spettacolare per Caputo. Mauriello e Neriotti mettono pausa alla forsennata corsa barese, ma è troppo tardi: il mani-fuori di Peonia sigilla il 25-19.

Il pubblico ci crede, così come le ragazze di Zambetta. Ma il sogno di riaprire la partita dura solo qualche minuto. Due ace di Facendola in apertura, poi pallonetto di Mauriello e muro di Cesario: in men che non si dica, il tabellone dice 0-6. Pedone dà il cambio a Romanazzi in regia. Martillotti due volte in zone di conflitto, gli errori baresi fanno il resto: sul 3-14 si ferma il lungo turno al servizio di Mauriello. A questo punto, la scena la ruba Neriotti in fast e primo tempo: 5-15. Cerignola si rilassa, Pvg ha ancora energie per rientrare nel set, sfruttando un ottimo turno in battuta di Romanazzi. Cariello ci prova in parallela e con una palla morbida al centro del campo avverso, diagonale di Caputo: 10-15. Diagonale della veterana Pvg, seguito dal fendente profondo di Caputo: 13-18. Anche capitan Binetti va a dar manforte alle compagne. Cariello mette a terra una palla vagante, poi arriva il muro di Labianca per il 17-20. Ancora Cariello con un attacco incredibile rimedia a un’alzata corta beffando il muro cerignolano; le foxes toccano il -1 (19-20). Neriotti e Facendola trovano due punti fondamentali per fiaccare la rimonta barese riuscita solo in parte: 19-23. Altro diagonale per Caputo, ma Libera Virtus getta il cuore oltre l’ostacolo. Minervini vince un sanguinoso contrasto a muro, Facendola inganna il muro di casa. Finale  20-25 e 1-3 per le ospiti.