Gli studenti del Maria Pia per la conoscenza del patrimonio locale

Cultura & Società

TARANTO – In un’isola di circa 30 ettari tra il Mar Grande e il Mar Piccolo, collegata alla terraferma da due ponti, è qui che sorge la città vecchia di Taranto, un concentrato di storia e bellezza, un fascino fatto di stretti vicoli e decine di chiese e palazzi.

Si aprono graziose vie in discesa con gradini, nel Medioevo erano chiuse da porticine “Postierle” che servivano a dividere le varie parti.

La città vecchia aveva quattro rioni, che all’epoca venivano chiamati “Pittaggi”, dai papiri che fungevano da anagrafe sui quali venivano annotati i nati, i morti, gli sposati, gli ammalati, gli assistiti.

“La casa del santo consolatore tra pittaggi e postierle” è un percorso per la conoscenza e comunicazione del patrimonio locale che gli  studenti delle classi seconde e terze del Liceo Scientifico Scienze applicate dell’Istituto “Maria Pia” di Taranto stanno effettuando, rientrando  nel Programma Operativo Nazionale – PON  2014-2020.

Il santo consolatore è Sant’Egidio Maria di San Giuseppe, religioso dei Frati Minori, nato a Taranto il 16 novembre 1729. Meritò il titolo di santo consolatore perché ogni giorno per le vie della città mendicava elemosina con grande umiltà, donando in cambio parole di consolazione al popolo.

Gli studenti, diretti dal prof. Giuseppe Ricci, esperto architetto e docente della scuola che ha come dirigente la dottoressa Rita Frunzio, e docente tutor la prof.ssa Valeria Carrieri, sono coinvolti in un percorso di disegno vettoriale assistito, che il 14 febbraio li condurrà in visita guidata nella casa del Santo.

La grafica vettoriale ha un notevole utilizzo nell’editoria, nell’architettura, nell’ingegneria e nella grafica  realizzata al computer.

Grazie ai frati della Chiesa di San Pasquale Bylòn, frate Antonio Salinaro e frate Francesco Zecca, gli studenti potranno rilevare architettonicamente gli elementi interni della casa di Sant’Egidio, che si trova tra la Discesa del Vasto e la Via di Mezzo.

Questi rilievi offriranno agli studenti la possibilità di condividere, con la comunità cittadina, una serie di disegni e di riflessioni anche agiografiche che saranno arricchite attraverso la visita della Pinacoteca di San Pasquale, guidata da frate Francesco Zecca.

È importante che la scuola individui gli stakeholder (studenti, famiglie, comunità locale, ecc.) strategici rispetto alla sua missione, progettando e realizzando flussi comunicativi con una pluralità di soggetti, per condividerne valori ed obiettivi, nell’ambito di un dialogo tra scuola e territorio.

Infine il 7 marzo si terrà un ulteriore passaggio significativo per gli studenti dell’Istituto Maria Pia, presso il MuDi, il Museo Diocesano di Taranto. Il direttore Don Simone Francesco accompagnerà i ragazzi nelle stanze del museo, ricco di interessantissime testimonianze legate al territorio, messe a disposizione grazie alla competenza e generosità della Diocesi di Taranto nella persona dell’arcivescovo di Taranto, Don Filippo Santoro.

Vito Piepoli