Di Maio-Salvini all’attacco dei vertici di Bankitalia e Consob “vanno azzerati”

Cronaca

“Siamo qua perche’ chi doveva controllare non ha controllato, la Banca d’Italia e Consob andrebbero azzerati, altro che cambiare una o due persone. Azzerati. Dov’erano questi signori mentre questi mangiavano?”: l’affondo di Matteo Salvini arriva da Vicenza, davanti alla platea di migliaia di risparmiatori colpiti dal crack della BpVi.
“Chiediamo discontinuita’ e quindi non possiamo confermare le stesse persone che sono state nel direttorio di Bankitalia nel periodo in cui e’ successo quello per cui e’ oggi qui questa gente”, ha confermato Di Maio.

Sulla scelta dei vertici della Banca d’Italia “stiamo approfondendo”, ha confermato da Roma il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. A rischio sarebbe la riconferma del vicedirettore di Bankitalia, Luigi Federico Signorini, ma anche quelle della vicedirettrice Valeria Sannucci e del direttore generale Salvatore Rossi.

“L’obiettivo del governo è fare in modo che non ci siano più risparmiatori truffati dalle banche, in questi anni qualcuno non ha vigilato adeguatamente”, ha detto ancora Luigi Di Maio. “La Consob deve vigilare sui prodotti finanziari, Bankitalia deve vigilare sugli istituti di credito. Qualcosa non ha funzionato in questi anni. Non è un attacco generalizzato – spiega il vicepremier – se mi si chiede di rinnovare persone che erano lì quando sono finiti sul lastrico i risparmiatori di Banca Etruria, di Banca Marche, delle Venete, dico che chi c’era prima è bene che in questo momento non venga rinnovato. E’ bene ci sia discontinuità. Noi chiediamo discontuità”. “Incontrando questa mattina i risparmiatori truffati abbiano detto chiaramente che sia Consb che Bankitalia dovranno essere rinnovati, devono essere totalmemte in discontiuità col passato”, ha concluso Di Maio.