Il primo turista italiano è arrivato in Uzbekistan senza visto

Politica & Diritti

Secondo la comunicazione delle autorità dell’aviazione civili e delle agenzie di stampa, il primo turista italiano, il 1° febbraio 2019 alle ore 01:00 ha varcato il valico di frontiera della Repubblica dell’Uzbekistan senza il visto. All’arrivo in aeroporto internazionale Islam Karimov di Tashkent l’ospite italiano, il Sig. Massimo Giglio ha trovato un’accoglienza calorosa con dei regali e gadget dai rappresentanti della compagnia aerea nazionale e dell’aeroporto capitolino.

Dal 1° febbraio 2019 è entrato in vigore il regime senza visto, senza pagamento di alcun dazio consolare, per i cittadini di quarantacinque Stati, titolari di qualunque tipologia di passaporto per un soggiorno fino a trenta giorni sul territorio della Repubblica dell’Uzbekistan, indipendentemente dallo scopo di viaggio.
Si ricorda, inoltre, che dal mese di marzo 2019 la NAC “Uzbekistan Airways” effettuerà 4 voli diretti da Roma e Milano verso Urgench e Tashkent.
 
La stipulazione dell’accordo tra le compagnie aeree Uzbekistan Airways e Alitalia ha offerto grandi vantaggi del pieno utilizzo della vasta rete aerea dell’Alitalia. Secondo il nuovo calendario, i voli dell’Uzbekistan Airways da/per Roma e da/per Milano sono garantiti con attracchi bilaterali con i voli italiani interni e voli europei delle compagnie partner.
 
Aeromobili moderni e confortevoli, con la scritta “Uzbekistan” a bordo, eseguono voli regolari in più di 50 paesi del mondo, e voli charter dall’Alaska fino alla Nuova Zelanda. Nel 2018, la compagnia aerea nazionale ha trasportato 3 milioni di passeggeri e 45.000 tonnellate di merci. Nel 2016 Uzbekistan Airways ha messo in funzione aeromobili Boeing-787-8 Dreamliner. La NAC in collaborazione con la società Boeing, ha aperto il Centro per la riparazione di materiali compositi degli aeromobili, ampiamente utilizzati nell’industria aeronautica mondiale.