Dopo elezioni

Politica & Diritti

Se ci avessero annunciato la situazione nella quale stiamo vivendo, non ci avremmo creduto. In attesa di vedere operativo il “Contratto di Governo” Di Maio/Salvini, nella Penisola ci sono milioni di senza lavoro. L’immagine di politica popolare sembra un termine eliminato dalle strategie del potere. Dopo le elezioni di politiche dello scorso marzo, i nostri incerti non sono diminuiti. Ovviamente, questo Esecutivo di Centro/Destra ha ancora da farsi conoscere sotto il profilo politico/operativo. Ogni apprezzamento, ora, sarebbe inopportuno.

Però, dietro i simboli dei Partiti ci sono degli uomini. E’ importante renderci conto di che “pasta” sono fatti quelli che ci governano. Non è più il caso d’essere fatalisti. Ora non ci resta che valutare un programma che non è stato considerato da chi ci ha governato in questi ultimi anni. Questo Esecutivo ha favorito una sorta di “rinnovamento” generazionale. Del resto, tutte le promesse, sempre che non restino tali, potranno essere definite entro i prossimi mesi. Avremo, quindi, il tempo per verificarne gli effetti.

L’importante è che non si punti su una formula che non offre, a ben osservare, nessuna scelta per la ripresa di un Paese che ne ha estremo bisogno. Dovrebbero, di fatto, cassare certi compromessi che hanno caratterizzato questi ultimi anni di politica nazionale. Anche se non riusciamo ancora identificare la “svolta”, dobbiamo riconoscere che quelli che stiamo vivendo sono i primi segnali, condivisibili o meno, di questa Terza Repubblica. Molto diversa dalle precedenti.

Giorgio Brignola