Clausura. Le obiezioni di Pierri a  padre Turchi

Cultura & Società

Può accadere durante una conversazione, che una persona a corto d’argomenti citi argomenti d’altre persone. Così, un signore sul blog “Come Gesù” del bravo prete e scrittore Mauro Leonardi, per confutare la mia affermazione che la clausura non trova fondamento nel Vangelo, cita la risposta che padre Athos Turchi dà ad un lettore su Toscana Oggi del 20 novembre 2014. Niente di male, ovviamente, se non che mi si costringe a ripetere obiezioni già fatte tante volte.

Padre Athos Turchi, scrive: “Nella Chiesa, perché funzioni bene, ogni membro, ogni persona o ordine o società o congregazione ha il suo compito e ruolo: c’è chi prega, chi predica, di studia, chi è in missione, chi nel settore charitas, chi comanda, chi obbedisce… “.

In realtà, nella Chiesa c’è chi studia e prega, chi predica e prega, chi è in missione e prega, e via di seguito. Ma perché ci deve essere qualcuno che prega chiuso per tutta l’esistenza tra quattro mura? Togliere dalla Chiesa chi studia e prega, sarebbe un danno per la Chiesa. Togliere dalla Chiesa chi comanda e prega, sarebbe un danno per la Chiesa. Non funzionerebbe bene, la Chiesa. Ma non è possibile dimostrare che la Chiesa non funzionerebbe bene (sto al concetto espresso da padre Athos sul buon funzionamento), se non ci fosse chi prega chiuso per l’intera esistenza tra quattro mura.

Padre Athos continua: “Le monache fanno parte della funzione della preghiera, mantengono continuamente la relazione che il corpo deve avere col Capo, col Cristo, quel colloquio continuo che Gesù aveva col Padre suo”.

Ora, Gesù il colloquio continuo col Padre suo lo aveva quando era solo o quando era in compagnia, lo aveva predicando, mangiando, camminando, facendo mille altre cose, magari anche segando e piallando il legno, prima del periodo della predicazione. Le monache che pregano, però, poiché rischiano di distrarsi e di far torto al Signore (o agli uomini della Chiesa?) è meglio stiano richiuse per sempre tra quattro mura. E’ una maniera di ragionare irrispettosa verso le monache.

Scrive ancora Athos Turchi: “Le monache, così facendo, sono forse fuori dell’annuncio del Regno di Dio? Non direi. Un uomo che vuol ben fare un lavoro bisogna che non perda di vista il progetto da realizzare, ebbene le monache sono nella Chiesa questa continua attenzione al progetto di Dio”.

“Bene, stando a questo ragionamento, chi è in missione dovrebbe restare per tutta l’esistenza in missione fino alla morte, senza mai tornare in famiglia; chi comanda, dovrebbe comandare stando rinchiuso per tutta la vita tra quattro mura. Un ricercatore per far bene il suo lavoro, e non perdere di vista il progetto da realizzare,  dovrebbe stare chiuso in un laboratorio per tutta la sua esistenza.  Aberrante.

“Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui” (At. 1,14). Maria e le donne tappate in casa per tutta la vita? Non sembra.

Padre Athos non si rende conto che persino la parola “clausura” è brutta e poco evangelica.