Missione in Iraq: un Natale diverso

Cronaca

Tanti i militari provenienti da reparti stanziati in Puglia da Foggia a Lecce

ERBIL -I militari appartenenti alle quattro Forze Armate del Contingente nazionale in Iraq hanno trascorso le festività natalizie lontani dai propri affetti alternando l’attività operativa ad alcuni eventi religiosi e conviviali organizzati nelle sei differenti basi che ospitano il personale italiano.

In Erbil, presso Camp Singara, alla Vigilia è stato organizzato un cenone natalizio allietato dall’ascolto di un dj set tenuto da alcuni militari che si dilettano di musica; la Santa Messa è stata celebrata dal Cappellano Militare ungherese cui ha partecipato sia il personale del contingente magiaro sia quello italiano. Il giorno di Natale il personale che non ha potuto prendere parte alle celebrazioni religiose si è unito a quella tenuta nella vicina base americana.

Il Generale di brigata Nicola TERZANO, Comandante del Contingente italiano e Direttore dell’addestramento della Coalizione, si è recato presso le diverse basi al fine di condividere il momento delle feste con tutto il personale, partecipando, nel contempo, i voti augurali e il ringraziamento della leadership militare per il servizio prestato anche nel giorno di Natale. L’alto ufficiale, dopo aver preso parte agli eventi in Erbil, è andato presso il Centro addestrativo di Atrush dove un team nazionale conduce l’addestramento delle forze di sicurezza locali. Successivamente, ha raggiunto gli uomini e le donne della Task Force Praesidium che sono schierati a Mosul per garantire la protezione e la sicurezza del personale militare e civile, nazionale ed internazionale, interessato ai lavori di consolidamento e manutenzione della diga, infrastruttura d’importanza strategica per l’Iraq.

Presso la base operativa della Task Force Praesidium si è svolta la tradizionale veglia religiosa in occasione del S. Natale. Al rito, officiato dal Cappellano militare, ha preso parte sia il personale appartenente alla Task Force “Praesidium” sia il personale militare e civile del Corpo Ingegneri statunitense e le maestranze italiane della ditta TREVI impegnate nei lavori.

A Baghdad, il personale della Police Task Force Iraq, su base Arma dei Carabinieri, ha condiviso con i militari della Coalizione la Messa di Natale celebrata dal Cappellano militare americano cattolico. I Carabinieri hanno consumato con gli altri militari delle Forze Armate italiane presenti nella capitale irachena un cena con l’immancabile panettone della tradizione natalizia.

A Santo Stefano l’Ambasciatore d’Italia in Iraq, Sua Eccellenza Bruno Antonio Pasquino, ha voluto incontrare i militari italiani nella sede di Erbil per porgere gli auguri e far sentire la vicinanza delle istituzioni nazionali all’intero Contingente durante le Festività.

Al Contingente nazionale sono giunti anche gli auguri dell’Ordinario Militare per l’Italia, Sua Eccellenza Monsignor Santo Marcianò, che ha inviato il video-testo del suo intervento augurale in occasione delle festività natalizie rivolto a tutti i cappellani militari ed a tutti i militari. Fondamentalmente si è tratto per i soldati, marinai, avieri, carabinieri e finanzieri presenti in Iraq di un Natale all’insegna del servizio e della tradizione nel rispetto delle tradizioni religiose e culturali irachene. Le Forze Armate italiane sono una risorsa a disposizione del Paese, pronte ad operare sempre con rapidità, efficienza e professionalità in ogni contesto, tanto all’estero quanto in Patria.

Da parte del Contingente militare dell’Operazione “Prima Parthica” in Iraq: “Tantissimi auguri a tutti i cittadini italiani ed in particolare ai lettori ed ai giornalisti delle testate che hanno parlato di noi”.