Home Diritti & Lavoro Servono leggi più giuste

Servono leggi più giuste

La legislazione odierna ha creato una specie di dittatura della burocrazia a danno di coloro che lavorano e producono ricchezza reale. Non esiste un qualunque atto di una qualunque impresa che non sia regolato e quindi nulla delle arti o professioni “libere” è, di fatto, libero; quindi è sicuro che solo una parte minima di imprenditori è al riparo da possibili multe o revoca di concessioni da parte della burocrazia. Si tratta di una politica posta in essere per permettere a coloro che percepiscono le tasse (appunto i dipendenti pubblici e cioè i burocrati) di continuare a percepirle contro l’interesse delle persone che producono beni e servizi che sono i pagatori di tasse.

In questa situazione è stato facile per taluni colpire i parenti dei nuovi o vecchi politici per colpire il politico stesso.

Un grande meridionale, Tomasi di Lampedusa nel suo “Gattopardo” scritto negli anni ’50 del secolo scorso, dice: “noi (i siciliani ndr) fummo i leoni, i gattopardi, dopo di noi verranno gli sciacalletti e le iene”. Come appunto accade oggi anche letteralmente.

Così papà di Maio doveva attendersi “controlli” a iosa come già li ha avuti Berlusconi e altri… e certamente avrebbero trovato qualcosa; è un gioco da ragazzi. Sono le iene -preconizzate dal grande scrittore, filosofo e politologo siciliano- che con fare mafioso cercano di prevalere sulle evidenze elettorali più plateali. È un uso che ricorda quello delle associazioni mafiose il colpire i parenti dei nemici che non si riescono a punire personalmente.

Peraltro come fa un’impresa, specie se piccola, a sopravvivere in un mondo di regole, di mondializzazione, di concorrenza sleale della grande impresa, di sindacati onnipotenti? Se quella piccola impresa esiste vuol dire che evade o viola le norme: la legge è fatta per far chiudere le imprese minori a vantaggio delle imprese maggiori e quindi l’equazione è presto fatta: se esisti vuol dire che violi qualcosa…

Per questo la reazione giustizialista di di Maio è politicamente errata: lui non è stato votato per far rispettare le leggi ingiuste che ci sono, ma perché quelle leggi vengano modificate e rese più giuste. Questo limite della prassi del Movimento pentastellato li porterà alla fine se non viene rivisto.

Canio Trione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui