Ambiente & Salute

Le spiagge dei baresi? la tradizionale Pane e Pomodoro o la nuova Torre Quetta?

Quando arriva l’estate i baresi sono pronti ad andare al mare e se si decidesse di restare in città, da qualche anno, si è divisi tra quale spiaggia scegliere: la tradizionale Pane e Pomodoro o la nuova Torre Quetta? L’una accanto all’altra, per tre chilometri di costa, su Corso Trieste, a Sud di Bari.

La scelta, inizialmente, era dovuta all’abitudine e alla comodità del singolo cittadino, ma, da qualche anno, purtroppo, essa ricade su quale dei due posti sia meglio amministrato dall’ente pubblico: vince Torre Quetta.

Nonostante la fisionomia delle due spiagge dei baresi sia simile: giardini, parcheggio, bar, servizi igienico sanitari, accesso ai disabili, passerelle e giostrine, è evidente che, oggi, Pane e Pomodoro sia il relitto della in auge Torre Quetta.

Come simbolo dello stato di abbandono di Pane e Pomodoro, Sos Città segnala il campo di sabbia per giocare a calcio o a pallavolo sito nel parcheggio della spiaggia e distante poche centinaia di metri dall’eguale, ma nuovo impianto di Torre Quetta.

“Ormai il campo di sabbia è un tappeto di erba incolta, le reti di contenimento sono strappate e il recinto di metallo è arruginito e rotto, con pezzi sporgenti, quindi pericolosi come lamentano i giovani che ne usufruiscono con cautela” – dichiara Danilo Cancellaro, Presidente dell’ass. Sos Città.

“È impensabile che a fronte del decoro e della sicurezza stabilita a Torre Quetta, non ci sia, invece, il rispetto delle normative a Pane e Pomodoro, portata sino alla distruzione e al degrado. Sarebbe interessante ripristinare il campo di sabbia e consentire alle associazioni sul territorio di organizzare eventi e tornei, oltre che dare la possibilità a semplici attività amatoriali e ricreative in nome dello sport.” – gli fa eco Dino Tartarino, vice presidente di Sos Città.

Se è pur vero che i grandi campioni come Messi, Maradona, Pelé da bambini hanno giocato scalzi, sullo sterrato, con una palla di pezza, senza tante pretese e possibilità, perché ”date un pallone a un bambino e lo farete il più felice del mondo”, è anche vero che un’amministrazione che si rispetti, nella nostra realtà sociale, deve garantire ai nostri bambini di sognare in sicurezza.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button