Strage nelle moschee, senatore australiano: ‘se la sono cercata, sono troppi’

Cronaca

Il senatore indipendente del Queensland, Fraser Anning, ha affermato che, sebbene nessuna forma di violenza possa mai essere giustificata, la paura della “crescente presenza di musulmani” è alla base del massacro.“La vera causa dello spargimento di sangue nelle strade della Nuova Zelanda oggi è, in primo luogo, il programma di immigrazione che ha permesso ai fanatici musulmani di emigrare in Nuova Zelanda”, ha detto.

In una dichiarazione successiva, il senatore Fraser Anning ha dichiarato di essersi opposto a qualsiasi forma di violenza nella comunità e condannato la strage. Ma ripetendo che “ciò che evidenzia è la paura nella nostra comunità in Australia e in Nuova Zelanda della crescente presenza di musulmani”, ha detto.

Il senatore Fraser Anning ha detto che i musulmani sono le vittime in questo caso, ma più in generale i colpevoli: “Ovunque nel mondo, i musulmani uccidono le persone in nome della loro fede su scala industriale”, ha detto.

“La totalità della religione islamica è solo un’ideologia violenta di un despota del sesto secolo camuffato da leader religioso, che giustifica una guerra senza fine contro tutti coloro che si oppongono e chiede l’omicidio di miscredenti e apostati. ”

“Parliamoci chiaro, anche se oggi i musulmani sono stati le vittime, di solito sono i perpetratori. I musulmani di tutto il mondo stanno uccidendo persone in nome della loro fede su scala industriale”.

“La verità è che l’Islam non è paragonabile a nessun’altra religione. È l’equivalente religioso del fascismo. E non è perché i seguaci di questa credenza selvaggia non sono gli assassini in questo caso che sono irreprensibili”.

“Come leggiamo in Matteo 26:52,” tutti coloro che prendono la spada periranno per la spada “e coloro che seguono una religione violenta che chiama ad assassinarci non possono essere troppo sorpresi quando qualcuno reagisce”, ha concluso il senatore Anning.