Formare i giovani alla donazione degli organi

Benessere & Medicina

Formare i giovani alla donazione degli organi, il prof. Tino Gesualdo con la sua equipe ha proceduto al trapianto di un rene a Bari, da un fratello all’altro di Gravina in Puglia

Presso il Policlinico di Bari, continuano con successo alcuni interventi anche di trapianto di reni, con l’equipe presieduta dal dr. Prof. Loreto Gesualdo, con i suoi validi collaboratori, dr. Giuseppe Castellano, dr Battaglia.

Ultimamente due giovani fratelli di Gravina in Puglia, Michele Lapolla , primogenito di 4 figli, ha donato il rene al fratello più giovane Angelo Lapolla, dipendente dell’ Università degli Studi di Bari, l’intervento si è svolto con successo.

Bisogna dare atto di questi grandi esempi di buona sanità, in Puglia, si potranno evitare tanti viaggi della speranza che portano problemi di costi e disagi per gli utenti .

Il dr. Prof. Tino Loreto Gesualdo, Preside della Facoltà di Medicina di Bari, Direttore del Centro Regionale Trapianti di organi, durante un incontro con Franco Nacucchi del ” Corriere nazionale ” ha evidenziato l’importanza di formare i giovani, educarli, alla donazione degli organi, dando atto alle associazioni di volontariato tipo AIDO Associazione Italiana Donazione organi, ADMO Associazione donatori modollo osseo, ecc. e  altre associazioni di volontariato, del loro impegno nel promuovere incontri presso scuole, famiglie,.

Ultimamente si è svolto con successo un incontro presso il liceo scientifico di Gravina in Puglia, promosso daall’ ADMO di Gravina in Puglia, referente Fedele Nacucchi, con il referente scientifico dr. Antonio Vitucci,del Policlinico di Bari,  con il motto: La donazione degli organi è un atto di amore incondizionato verso la vita che continua.

Ha moderato l’incontro con gli studenti, il giovane Domenico Nacucchi , quale ricevente midollo osseo, dal fratello maggiore Michele Nacucchi, ci sono state diverse testimonianze di giovani e meno giovani che attraverso la donazione di organi , hanno dato la possibilità di una seconda vita .

In tale occasione molti giovani si sono iscritti all’ ADMO Associazione donatori midollo osseo, sensibili ai problemi della donazione con la consapevolezza e la responsabilità di dare coraggio ha chi ne ha necessità e speranza per un futuro migliore.

Ci si auspica da parte dei responsabili istituzionali un maggiore impegno nella formazione degli Operatori sanitari per questo settore importante, dando importanza nella formazione e comunicazione medico paziente.

Si coglie l’occasione per formulare i migliori complimenti agli Operatori Sanitari impegnati in questo settore, dall’equipe presieduta dal dr Prof. Tino Loreto Gesualdo, dal dr Giuseppe Castellano, dr Battaglia e dal dr Antonio Vitucci  , presso il Policlinico di Bari , con l’auspicio che si possa avere maggiore consapevolezza da parte dei cittadini alla donazione degli organi.

I migliori auguri di una lunga vita ai donatori e ai riceventi organi .

Franco Nacucchi