Salvini rompe il silenzio elettorale

Politica & Diritti

Matteo Salvini (AFP)

Vinciamo in Sardegna, ne sono strasicuro. A livello Nazionale non cambia niente andiamo avanti per 5 anni”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini incontrando i sostenitori a Recco, nel levante di Genova, presso uno dei gazebo della Lega. “Mi hanno detto che c’è un gazebo del Pd qui vicino e sono da soli. Andate a portargli un po’ di conforto, una carezza” ha aggiunto il vicepremier e ministro dell’Interno.

Parole che hanno provocato la reazione del capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro: “Il ministro dell’Interno è il garante delle leggi che regolano il corretto svolgimento delle competizioni elettorali. Tra di esse vi è lo stop alla campagna elettorale alle ore 24 del venerdì precedente l’apertura dei seggi”. “Sulla pagina Facebook del ministro – prosegue Fornaro nella nota – anche oggi sono stati pubblicati appelli al voto alla Lega per le elezioni in Sardegna. E quando si è il ministro dell’Interno non ci si può certo nascondere dietro all’assenza di regolamentazione sull’uso dei social media nella legislazione elettorale: il significato del silenzio della propaganda nelle ultime ore dal voto è chiaro ed inequivocabile“. “Se vuole Salvini faccia approvare una legge che abroghi il cosiddetto silenzio elettorale – conclude – ma fino ad allora lo rispetti come tutti gli altri perché non solo il ministro dell’Interno non è al di sopra delle leggi, ma con il suo comportamento trasmette anche un messaggio altamente diseducativo”.

Durissimo su Twitter anche il commento di Maurizio Martina, candidato alla segreteria del Pd: “Anche oggi Salvini viola il silenzio elettorale e se ne frega delle regole. Che vergogna. Deve proprio sentirsi tanto insicuro di quello che fa e che dice per arrivare a tanto #Sardegna #Zeddapresidente #silenzioelettorale”.

Nel tardo pomeriggio Salvini ha twittato il ”ricordo di una splendida serata a Cagliari, che porterò sempre nel cuore! C’è tempo fino alle 22, Amici Sardi: andate a votare e insieme vinciamo!” ha scritto il vicepremier.