La calza della SuperLega è vuota per la BCC. La salvezza è un miraggio.

Sport

BCC vs PADOVA 0-3 (20-25/30-32/18-25).

Dopo la brutta parentesi di Santo Stefano gli uomini di mr Di Pinto nel giorno dell’Epifania sperano di trovare nella calza targata SuperLega la prima vittoria stagionale per provare a mantenere accese le speranze di una risalita ed evitare la retrocessione che ormai è diventata l’incubo della squadra pugliese.

La società castellanese a differenza delle altre non ha fatto ricorso al mercato ritenendo evidentemente sufficiente la rosa degli uomini su cui Di Pinto può contare, sarà stata una scelta saggia? La rivale avversaria della BCC ovvero Siena nonostante in 10 punti conquistati ha comunque deciso di far entrare in rosa Van De Voorde e Savani.

La classifica alla seconda giornata di ritorno non è confortante, la squadra di casa che affronta Padova è ultima con soli 5 punti, l’avversario invece è 9 con 18 punti.

Il tecnico della BCC Di Pinto schiera in campo: Falaschi (palleggio), Zingel e De Togni (centrali), Mirzajanpour e Wlodi (schiacciatori) Buiatti (opposto), Cavaccini (libero)

Il tecnico del Padova Baldovin schiera in campo: Polo e Volpato (centrali), Louati e Barnes (schiacciatori), Travica (palleggio) Torres (opposto), Danani (libero).

LA GARA

I SET

La squadra di casa prova a mettere prova a mettere in difficoltà gli ospiti e ci riesce grazie anche all’ace dell’opposto Buiatti che sino a questo momento al servizio non ha avuto una buona percentuale e si porta a +4 (9-5).

Il vantaggio maturato è durato pochissimo, gli ospiti sono riusciti grazie al servizio di Travica a pareggiare i conti, ma gli uomini di Di Pinto dopo il breve time out sono entrati in campo con grinta rimanendo incollati agli avversari senza mollare la presa (14-14).

Dopo un tira e molla da cardiopalma gli equilibri si rompono e Padova riesce a portarsi in vantaggio, complice anche i due errori in attacco da parte dell’opposto della BCC (17-19).

La fase finale del set è un dejavu, la BCC subisce un calo psicologico e non riesce più a contrastare gli avversari, di conseguenza cala la prestazione e aumentano gli errori che consentono all’avversario di vincere il set (20-25).

Tabellino BCC: 59% ricezione, 30% attacco, 2 errori al servizio, 2 ace

Tabellino Padova: 61% ricezione, 53% attacco, 3 errori al servizio

II SET

La squadra pugliese scende in campo nervosa, manca di lucidità, pecca in fase di ricezione, gli avversari sembrano più compatti e decisi a chiudere anche il secondo set. Il tabellone segna 6-3 per gli ospiti, 3 punti sono legati agli errori in fase di attacco della BCC.

Qualcosa cambia nella fase intermedia del set, la BCC accorcia le distanze e si porta a -1 (10-11), migliora anche in fase di ricezione e riesce a giocare qualche palla che consente agli schiacciatori di attaccare e mettere in difficoltà la difesa di Padova.

Le parole del tecnico pugliese servono a dare coraggio ai ragazzi della BCC che dopo aver raggiunto la parità riescono anche a portarsi in vantaggio +2 (21-19) anche se la percentuale dell’errore al servizio resta alta e regala di fatto punti preziosi alla squadra avversaria.

Il vantaggio svanisce del giro di pochi attimi, ancora una volta Padova riesce a pareggiare i conti, l’opposto della BCC anche in questa gara non risolve le situazioni difficili facendosi murare dagli avversari che si portano in vantaggio +2 (24-22).

Finale di set acceso, i punti sono stati assegnati al video-check, la coppia arbitrale più di una volta è ricorsa autonomamente all’occhio elettronico per assegnare il punto. Nessuna delle due squadre sembra voler cedere il set, la situazione di perfetta parità di rompe grazie all’ace al servizio di Mirzajanpour che vale il 30-29.

L’entusiasmo e la speranza di conquistare il secondo set svaniscono nel nulla, Padova al servizio con Polo mette in difficoltà la squadra casalinga che si affida all’opposto che fallisce il colpo, finale del set 32-30 in favore degli ospiti.

Tabellino BCC: 46% ricezione, 56% attacco, 11 errori al servizio, 1 ace

Tabellino Padova: 80% ricezione, 61% attacco, 7 errori al servizio

III SET

Il c.t. Di Pinto decide di schierare Kruzhkov al posto di Buiatti vista la scarsa perfomance mostrata sia nel I che nel II set.

Un avvio non in perfetto equilibrio, l’opposto della BCC mostra carattere e riesce a mettere a segno due palle difficili, ma ciò non basta, ancora una volta la squadra di casa soffre il servizio di Travica che mette a segno anche un ace e si porta in netto vantaggio +6 (11-5).

Il pubblico resta basito dall’atteggiamento mostrato dai giocatori della BCC, anche il tecnico Di Pinto sembra sconcertato e privo di soluzioni, è evidentre che la rosa non è sufficiente a poter creare un turn over. Nel frattempo Padova aumenta sempre di più il suo vantaggio portando in cassaforte il set (23-17). Il set si chiude col punteggio di 25-18 per Padova.

La sconfitta contro Padova, segna la fine, la retroccesione è automaticata, non servono calcoli statistici o probabilità perchè la classifica alla fine di questa giornata parla chiaro: BCC ultima con 5 punti.

La BCC sconta un atteggiamento poco aggressivo e una rosa poco competitiva, non aver rinforzato la rosa durante la finestra di mercato è stato un passo falso, ma la società avrà messo in conto anche questo.