Fondi Ue. M5S, bene rimodulazione per cultura pugliese

Politica & Diritti

BARI –  “Ma dopo Striscia, alla Capone chiediamo gestione trasparente”“La decisione ratificata oggi dal Ministro Lezzi nell’ambito dell’odierna cabina di regia sul fondo sviluppo e coesione sulla rimodulazione dei fondi FSC 2014-2020 per la Regione Puglia, consente di assegnare al comparto turistico-culturale pugliese risorse aggiuntive per 30 milioni di euro. Una buona notizia rispetto alla quale ci preme esprimere un auspicio: dopo i servizi di Striscia la Notizia sulla presunta “appaltopoli pugliese” e sulla gestione dei fondi del turismo e della cultura da parte dell’Assessore Capone, vorremmo invitare ufficialmente lei e il Presidente Emiliano ad avviare una fase di confronto e partecipazione trasparente, come auspicato dal Ministro del Sud, con Agis e le altre rappresentanti del settore turistico e culturale, scongiurando il rischio di privilegiare i soliti noti.” Lo dichiarano gli otto consiglieri regionali del M5S Puglia che proseguono: “A proposito dei presunti scandali emersi sui media nazionali, infatti, dispiace registrare un’assenza di spiegazioni ed un silenzio assordante da parte dell’assessore Capone sull’assegnazione dei bandi di PugliaPromozione e sul suo staff. Per questo chiediamo a lei e al presidente Emiliano, che non ha detto una parola in merito, di fare chiarezza sulla questione direttamente in aula nel prossimo Consiglio utile. Una chiarezza dovuta a tutti i cittadini pugliesi, dal momento che parliamo di bandi emanati con soldi pubblici su cui deve esserci la massima trasparenza. Quello che dispiace – concludono – è che a causa della sua azione di governo pari allo zero si parli del turismo in Puglia solo per una presunta appaltopoli e non per le meraviglie che questa terra offre”.