Buttate il cappotto, ora si esce in coperta

Cultura & Società

MODA

Alcuni dei modelli visti in passerella per la fall winter 2018-2018. Da sinistra Alberta Ferretti, Roksanda e Gucci (Fotogramma/Ipa)

Chiamatela pure plaid. O se preferite mantella. Il nome conta poco. Quest’inverno, la protagonista di stagione è lei: la coperta-poncho da indossare al posto del cappotto. Lunga e morbida, avvolgente proprio come un overcoat, la coperta normalmente riservata al divano si porta ora come fosse uno scialle, oppure allungata sopra i jeans, fino a toccare terra.

A tinta unita e nei colori della terra, come fa Alberta Ferretti oppure delinata nella palette pastello modello Roksanda, la coperta-poncho diventa extra long svelando outfit da giorno o mise più audaci per la notte. Abbinata a stivali al ginocchio o over the knee, per la stagione invernale appena iniziata la mantella è un pezzo immancabile nel guardaroba.

Lo sa bene Roksanda, brand che piace molto alla first lady Melania Trump, che per la fall winter 2018/2019 manda in pedana un plaid giallo bordato di frange e indossato sopra elegantissimi abiti in seta en pendant. E se Gucci pensa alla coperta effetto tapestry ispirata ai tessuti orientali e d’arredamento, Stella McCartney lavora la maglia in stile gipsy proponendo una maxi coperta patchwork a strati. Mentre JW Anderson da Loewe non si accontenta della stagione invernale e ipoteca anche la spring summer 2019 annodando la coperta in vita trasformandola in gonna.

E’ rétro e morbidissima quella di Ulises Merida, in tinta soft e portata in versione doppio strato con una piccola cintura allacciata in vita. Ultrachic e mai banali, sciarpe e coperte XXL hanno anche un lato comfort, visto che consentono di rimanere al caldo e variare stile ogni giorno. I colori cult? Senza dubbio quelli vivaci abbinati a motivi patchwork e navajo. Elegantissima invece la palette tradizionale del cammello, terra bruciata o a stampa check.